Il nuovo romanzo di Baricco uscirà il 18 marzo. Ci saranno due versioni della copertina...

– Il 18 marzo Alessandro Baricco, torinese, classe ’58, tornerà in libreria con il romanzo La sposa giovane (Feltrinelli).

-La trama ci porta all’inizio del secolo scorso: la promessa “Sposa” è giovane, arriva da lontano, e la “Famiglia” la accoglie nell’elegante residenza fuori città. “Il Figlio” non c’è, è lontano, a curare gli affari della prospera azienda tessile. Manda doni ingombranti. E la Sposa lo attende dentro le intatte e rituali abitudini della casa, soprattutto le ricche colazioni senza fine.” C’è in queste ore diurne un’eccitazione, una gioia, un brio direttamente proporzionale all’ansia, allo spasimo delle ore notturne, che, così vuole la leggenda, sono quelle in cui, nel corso di più generazioni, uomini e donne della famiglia hanno continuato a morire”. La Figlia combatte contro l’incubo della notte. La Madre vive nell’aura della sua bellezza mitologica. “Tutto sembra convergere intorno all’attesa del Figlio. E in quell’attesa tutti i personaggi cercano di salvarsi”.

-L’autore tiene particolarmente alla copertina, a cui ha a lungo lavorato con l’illustatore Tanino Liberatore. Ci saranno due versioni (cambierà il tipo di carta).

baricco

-Il primo romanzo di Baricco, Castelli di rabbia, fu pubblicato da Rizzoli nel 1991. Dai tempi di Omero, Iliade (2004) l’autore di Seta e Oceano Mare pubblica con Feltrinelli (ma Questa storia, nel 2005, è uscito per Fandango);

-Nel 1994 Baricco ha co-fondato, a Torino, la Scuola Holden, che di recente ha cambiato sede (e “modello”), trasferendosi nell’ex Caserma Cavalli, nel quartiere Aurora. Nelle scorse settimane, l’ex amministratore delegato di Luxottica e attuale consigliere economico del governo Renzi Andrea Guerra è diventato socio della scuola presieduta da Baricco. Gli altri soci della scuola di “Storytelling & Performing Arts”, oltre allo stesso scrittore, sono Effe2005 – Gruppo Feltrinelli e Eataly. Sei, attualmente, gli ambiti del percorso di studi: Cinema, Digital, Reporting, Serialità, Televisioni e Scrivere;

-Nel 2008 Baricco ha diretto il suo primo (e finora unico) film da regista, Lezione ventuno, prodotto da Fandango Distribuzione con Rai Cinema;

-In passato lo scrittore ha lavorato anche in tv, conducendo tra l’altro per Rai3 L’amore è un dardo (nel 1993, un programma dedicato alla lirica) e, soprattutto, Pickwick, del leggere e dello scrivere (1994, con Giovanna Zucconi);

-Ancora un passo indietro: dopo la laurea in filosofia (con Gianni Vattimo), Baricco, grande appassionato di musica classica (passione che gli è stata trasmessa dai genitori) ha pubblicato saggi di critica musicale e ha scritto di musica su importanti quotidiani;

-Nel 2001 Baricco fu tra gli ideatori dell’Osvaldo Soriano Football Club, la Nazionale italiana di calcio degli scrittori: a lungo ne è stato il capitano e il numero 10;

-E chiudiamo tornando agli ultimi anni e parlando di politica: Baricco è stato infatti uno dei fondatori della “prima Leopolda” (celebre un suo discorso del novembre 2011 in cui criticò la “sinistra conservatrice”). Quando Matteo Renzi è diventato premier si è parlato di Baricco come di possibile ministro dei Beni Culturali.

LEGGI ANCHE:

Baricco “stronca” Houellebecq

Commenti