Il mondo della letteratura è in lutto per la morte, a 76 anni, di Arto Paasilinna, uno degli scrittori finlandesi più famosi all’estero

Il mondo della letteratura è in lutto per la morte, a 76 anni, di Arto Paasilinna, uno degli scrittori finlandesi più famosi all’estero (in Italia è pubblicato da Iperborea). Paasilinna, tra i pochi, in Finlandia, a vivere soltanto della sua scrittura, è venuto a mancare in una casa di riposo a Espoo, nel sud del Paese. Nella sua vita è stato giornalista, poeta e guardiaboschi.

Il suo stile si caratterizza soprattutto per il brillante senso dell’umorismo, che gli ha permesso di raccontare ridendo anche le storie più tragiche o amare.

Tra i suoi titoli più famosi ricordiamo L’anno della Lepre (Iperborea, traduzione di E. Boella), che in Italia gli valse il Premio Acerbi nel 1994: il libro narra le rocambolesche avventure di un giornalista che, dopo aver investito una lepre, si mette a cercarla per poterla curare, ma finisce con lo sparire nei boschi della Finlandia insieme all’animale, che diventa per lui un inseparabile talismano.

Commenti