Annullata a causa delle misure di contenimento per la COVID-19 la 57esima edizione della Bologna Children's Book Fair, che in un primo momento era stata rimandata alle date 4 - 7 maggio. Il team che lavora alla fiera sta comunque lavorando per ricreare online le opportunità di business e di networking. Annunciate già le date della prossima edizione della fiera, che si terrà dal 12 al 15 aprile 2021

“Con grandissimo dispiacere” BolognaFiere ha dovuto prendere la grave decisione di annullare la 57esima edizione della Bologna Children’s Book Fair – BCBF. Conseguentemente, viene annullata anche la correlata manifestazione Bologna Licensing Trade Fair.

Purtroppo, la diffusione dell’epidemia del Coronavirus a livello nazionale e internazionale non ha consentito alcuna ottimistica prospettiva sullo svolgimento della Fiera, nemmeno nelle date 4-7 maggio recentemente annunciate. È stato pertanto deciso di non attendere oltre, così da consentire a tutti gli espositori e a tutti i professionisti attesi – editori, agenti, creativi, autori, illustratori, digital creator, licensor, licensee – di riprogrammare al meglio il proprio lavoro.

Bologna sarà comunque presente: il team BCBF sta infatti lavorando per ricreare online l’atmosfera e le opportunità di business e di networking che da sempre rendono Bologna Children’s Book Fair e la “sorella” Bologna Licensing Trade Fair un appuntamento unico al mondo, il più importante evento internazionale del settore, nonché hub culturale e ribalta delle nuove tendenze del mercato non solo dei libri ma di tutti i contenuti per ragazzi.

Ci confrontiamo in questi giorni con un’emergenza – dichiara Antonio Bruzzone, Direttore Generale di BolognaFiere – che interessa non solo il nostro Paese ma, purtroppo, incide su scala internazionale. L’esigenza di contenere la diffusione del Coronavirus ha reso necessario applicare forti limitazioni agli spostamenti fra Paese e Paese incidendo, in maniera significativa, sul business dell’imprenditoria tutta. Il Sistema fieristico, che vive di opportunità di incontro e di networking, ha dovuto far fronte a una situazione inedita con l’obiettivo di essere, ora più che mai, a sostegno delle imprese per assicurare le migliori circostanze per il riposizionamento delle singole iniziative che hanno dovuto confrontarsi con questa situazione.  Per la Bologna Children’s Book Fair – prosegue Bruzzone – in cui il 90% degli espositori viene dall’estero era impensabile proporre un evento al quale i nostri interlocutori non avrebbero potuto partecipare con la necessaria tranquillità e con quel clima di amicizia e collaborazione che caratterizza questa grande comunità internazionale che ogni anno si ritrova a Bologna.  Non è stato facile prendere la decisione di rimandare al 2021 la manifestazione, lo abbiamo fatto con la consapevolezza di dover dare un contributo importante per permettere il superamento questa situazione. Come spesso accade, dal confronto con scenari inediti nascono nuove idee: è quanto sta succedendo anche per la Bologna Children’s Book Fair che non si limita a posticipare l’evento al 2021 ma sta già lavorando a una serie di nuovi progetti e iniziative per mantenere in collegamento questa grande comunità internazionale che ringraziamo per la fiducia che ci ha consentito di diventare l’evento di riferimento mondiale. Infine, l’annuncio con largo anticipo di questa decisione nasce dalla consapevolezza di quanto sia importante programmare, in ogni dettaglio, la propria presenza a un evento fieristico e, allo stesso tempo, creare le condizioni per riprogrammare il proprio lavoro in relazione agli scenari che la situazione internazionale ci impone”.

Nel frattempo, sono già state annunciate le date della prossima edizione, a Bologna dal 12 al 15 aprile 2021.

Commenti