Corrado Peli in libreria con il romanzo "I bambini delle case lunghe", un noir ambientato nella provincia bolognese, che affronta un tema purtroppo attuale: la violenza domestica

Esordisce nella collana Nero Italiano di Fanucci Corrado Peli, classe ’74, con il romanzo I bambini delle case lunghe, un noir ambientato nella provincia bolognese che affronta un tema purtroppo attuale: la violenza domestica.

bambini_case_lunghe

1985. Due strade che s’incrociano, la parrocchia e la locanda: non c’è altro a Case Lunghe, località della piccola frazione di San Felice nella bassa bolognese. Le giornate scorrono lente e i bambini crescono giocando a nascondino nei campi e nei casolari. Ma in questa vita fatta di profondi silenzi e nebbie che sembrano non diradarsi mai, si nascondono segreti inconfessabili, violenze domestiche soffocate nel perbenismo, ricatti e passioni rinnegate. Trent’anni dopo, don Stefano Vitali viene inviato a San Felice per curare i particolari burocratici di un ingente lascito alla parrocchia della frazione, e scopre che dietro quella realtà apparentemente serena e tranquilla si cela una storia oscura.

L’autore costruisce una narrazione precisa, dalle descrizioni dei luoghi immersi nella nebbia alla costruzione dei personaggi che sono da una parte gli Anna e Marco di Lucio Dalla, e dall’altra gli Sleepers di Barry Levinson.

 

Commenti