Si trova nel centro storico del capoluogo lucano ed è una biblioteca aperta a tutti, un luogo di scambio dove chiunque può lasciare e prendere gratuitamente i libri che vuole. La raccolta dei volumi, inoltre, è stata pianificata attraverso un metodo singolare: nel cortile sono stati disposti quattro contenitori per la differenziata, ognuno corrispondente a un genere letterario…

Per molti lettori il libro è un oggetto sacro, una reliquia da conservare con cura nella propria libreria. Non a caso, quando si parla di mandare i libri al macero, non sono in pochi a storcere il naso e a considerare questa pratica una vera barbarie.

Altri, invece, guardano con interesse al mercato dell’usato, e altri ancora prestano o regalano volentieri i propri libri a chi ancora non ha avuto l’occasione di leggerli. Così sono nati, e continuano a nascere, numerosi luoghi di scambio e centri di bookcrossing, dove chiunque può lasciare e prendere gratuitamente tutti i libri che vuole.

A Potenza, per esempio, proprio seguendo questa corrente, ha aperto quella che è stata battezzata la “biblioteca di tutti e per tutti“.

Si trova nel centro storico del capoluogo lucano (di preciso in Vico Fratelli Marone 12) e, come si evince perfettamente dal nome, è un centro aperto a chi ha voglia di condividere con gli altri l’amore per la lettura: “È questo un progetto che è nato grazie alla passione per i libri di alcuni cittadini che ne combattono l’abbandono valorizzandone l’esistenza. Un’azione di salvaguardia di un patrimonio dall’inestimabile valore, che rappresenta un primo esempio di ‘best practice’ in campo sociale, educativo e culturale nella città di Potenza”, racconta a Sololibri.net (da cui è tratta l’immagine di copertina, ndr) Eva Bonitatibus, presidente dell’associazione culturale Gocce d’Autore che ha dato il via all’iniziativa .

La biblioteca è gestita da volontari che si occupano della manutenzione del luogo, organizzando scambi, catalogando libri e facendo in modo che tutto funzioni nel migliore dei modi. Inoltre, la raccolta dei volumi è stata pianificata attraverso un metodo del tutto singolare. Nel cortile infatti, all’esterno dell’associazione, sono stati disposti quattro contenitori per la differenziata, ognuno corrispondente a un genere letterario: il contenitore blu è dedicato ai romanzi di narrativa, quello giallo ai gialli e ai thriller, il verde alla saggistica mentre il rosso ai libri per bambini e per ragazzi.

Commenti