Appuntamento da giovedì 4 giugno a domenica 7 giugno. Il tema conduttore della settima edizione della manifestazione è "il Vento che aspettiamo". Ci sarà anche ilLibraio.it...

Da giovedì 4 giugno a domenica 7 giugno torna Leggendo Metropolitano, il festival di Cagliari giunto alla settimana edizione (organizzato dall’Associazione Prohairesis e sotto la direzione artistica di Saverio Gaeta), che quest’anno avrò come filo conduttore

Tra i protagonisti internazionali, Enrique Vila-Matas, Hanif KureishiPatrick McGrathJohn Hemingway, nipote del celebre scrittore americano. E poi la regista e scrittrice anglo-cinese Xiaolu Guo, l’economista, sociologo e scrittore Jeremy Rifkin; e il biologo israeliano Aaron Ciechanover, Premio Nobel per la Chimica nel 2004.

Tanti anche gli ospiti italiani dal mondo della letteratura, del giornalismo, della saggistica: tra questi, Lirio Abbate, Vinicio Capossela Cristiano Cavina.

Si legge nel comunicato di presentazione: “Il vento del concept è quello che muove la progettualità, che anima lo spirito d’intrapresa e si nasconde dietro il mistero dell’ispirazione. Ed è anche il vento dei mutamenti sociali, da comprendere e vivere attivamente: Leggendo Metropolitano propone infatti una navigazione sulle rotte più battute della nostra contemporaneità, come il senso di disorientamento delle nuove generazioni, i cambiamenti del mondo del lavoro, il dramma delle migrazioni e in esso quello delle donne, i nuovi dilemmi delle coscienze collettive, le sfide alle democrazie 2.0, le nuove forme del rapporto metropoli-periferia. E ancora: la presa della letteratura sull’attualità accanto alla trasmissione della sua eredità, le innovazioni tecnologiche con il loro impatto sul quotidiano, le nuove vie del malaffare, i propositi per costruire da adesso il futuro di ciascuno”.

 

Tanti gli appuntamenti (qui il programma completo). Tra gli incontri, sabato  6 giugno, alle ore 20, all’interno del Chiostro della Facoltà di Architettura, quello con lo scrittore Tommaso Pincio, il giornalista de ilLibraio.it Antonio Prudenzano e Armando Massarenti, filosofo e responsabile del supplemento Domenica de “Il Sole 24 Ore”, a confronto per capire se il mondo parallelo di internet, che offre infinite possibilità ma anche dipendenze e illusioni collettive, stia cambiando in meglio o in peggio la letteratura, insieme alle nostre identità.

Per maggiori informazioni: www.leggendometropolitano.it

Commenti