Dall'8 al 10 novembre torna a Chiari (Brescia), per la sua diciassettesima edizione, la manifestazione dedicata alle piccole case editrici - Temi e protagonisti

Torna dall’8 al 10 novembre a Chiari, nella cornice storica di Villa Mazzotti, la rassegna dedicata alle piccole o piccolissime case editrici. Promossa dall’associazione culturale L’Impronta, in collaborazione con il Comune di Chiari e il Comune di Orzinuovi, patrocinata da Provincia di Brescia e Consigliera di Parità della Provincia di Brescia, con il sostegno di circuito Claps e Ministero dei beni Culturali, con la partecipazione di Philosophy for Children, Rinascimento Culturale e Movimento Nonviolento, quest’anno la Microeditoria numero 17 sbarca sulla Luna, tema centrale della manifestazione proprio nel cinquantesimo anno del primo passo dell’uomo sul nostro satellite. Per tre giorni a novembre, 80 editori, insieme a personalità del mondo contemporaneo, ci mostreranno che “se possiamo sognarlo, possiamo farlo!”.

“Diciassette anni di Microeditoria sono un bel traguardo – spiega Daniela Mena, direttrice artistica della Rassegna – sono cambiate tante proposte che un tempo non avevamo nemmeno immaginato (penso agli approfondimenti sulla Cultura Digitale per seguire l’evoluzione della comunicazione o ai laboratori formativi sui Mestieri del Libro). Abbiamo cercato di rinnovarci ogni anno: basti pensare che da 40 editori nel 2003 in poco tempo siamo più che raddoppiati, resistendo anche ad anni di crisi profonda. E non solo. Anche il termine ‘microeditoria’, che oggi identifica non solo i piccolissimi editori ma anche buona parte dell’editoria indipendente, è partito da qui”.

Anche per quest’anno, sabato alle ore 17.30, la rassegna ospiterà il convegno ADEI – l’associazione dei piccoli editori, con la presenza del presidente dell’associazione Marco Zapparoli e della consigliera Anita Molino. Sul sito ufficiale tutte le novità, gli ospiti e il programma completo.

Commenti