L'associazione che si batte perché la lettura in Sardegna sia un elemento di comunità (e che punta su cultura, etica e sostenibilità economica) sceglie l'equity crowdfunding per crescere e aprirsi al resto d'Italia

A meno di due anni dalla vittoria del premio che-Fare, il progetto Lìberos (associazione di persone che credono che la lettura in Sardegna sia un elemento di comunità e che le energie e le competenze che si muovono intorno al libro siano fonte di coesione sociale, ricchezza economica e consapevolezza civica) cresce ancora e punta a esportare il modello al di fuori della regione. In che modo? Fino all’8 febbraio, persone e aziende saranno coinvolte in una campagna di equity crowdfunding attraverso SmartHub, nuova piattaforma al debutto. E sarà un’altra start-up, Isterre srl (impresa sociale che non ha fini di lucro) a occuparsi del progetto. L’obiettivo è raggiungere quota 200mila euro (qui i dettagli). Il tutor individuato è Gianfranco Ridolfi, mentre il mentor è Loredana Lipperini.

Ma a cosa servirà questo denaro? I promotori spiegano che un investimento così importante è “necessario per realizzare una nuova piattaforma in grado di agevolare la connessione tra gli operatori culturali e i fruitori, puntando sulla connessione e la co-progettazione, il passaggio delle informazioni e la pianificazione delle attività”. Il riferimento è a “una tecnologia che spinga all’incontro e all’interazione, che riesca a far incontrare la richiesta e l’offerta di cultura e che cambi radicalmente le abitudini d’acquisto dei lettori, nel senso di un arricchimento dell’esperienza che consenta al contempo la sostenibilità delle attività culturali”.

Lìberos, in pratica, punta a diventare “un vero network non solo social, ma sociale, non una comunità virtuale governata da algoritmi, ma da persone vere che si ritrovano in libreria, in biblioteca, in piazza per incontrarsi e per essere parte attiva della vita della propria comunità”.

Ad oggi, il circuito che si riconosce nel codice etico di Lìberos è costituito da centinaia di professionisti e appassionati, librai, bibliotecari, associazioni culturali, media e location partner, festival. “Oltre alle proprie attività di promozione della lettura, Lìberos sostiene e qualifica con le sue competenze tutte le realtà sane esistenti sul territorio sardo che aderiscono al suo circuito”. E’ quindi arrivato il momento di esportare questo modello unico nel suo genere…

Commenti