"Lei è proprio un Grande Lucernario, professore." E Veronesi ritornava spesso su quel complimento, soprattutto quando qualcuno lo definiva luminare. No, macché luminare: sono un lucernario. - "Il Grande Lucernario" di MariaGiovanna Luini è un racconto di esperienze di vita, un romanzo, una riflessione sul corpo umano, sulla figura del medico al giorno d'oggi ma, soprattutto, su Umberto Veronesi...

“Lei è proprio un Grande Lucernario, professore.” Fu una donna ad apostrofarlo così durante una cena. Assomigliava a Olivia, la fidanzata di Braccio di Ferro. E Veronesi ritornava spesso su quel complimento, soprattutto quando qualcuno lo definiva luminare. No, macché luminare: sono un lucernario.

il grande lucernario maria giovanna luini mondadori copertina

Il Grande Lucernario (Mondadori) di MariaGiovanna Luini è tante cose insieme: è un racconto di esperienze di vita, un romanzo, una riflessione sul corpo umano, sulla figura del medico al giorno d’oggi, su Umberto Veronesi. Ma, come specifica l’autrice, è chiaro cosa non è: non è una sorta di foglietto d’istruzioni, non indica terapie, soluzioni o suggerimenti per la salute. “In nessun modo si devono trarre indicazioni cliniche da una storia proposta in un libro, siamo unici e speciali e per farci aiutare in caso di malattia è bene consultare un medico”.

L’uomo è un essere complesso e meraviglioso: il corpo ne è solo una parte. Ecco perché, secondo Luini, la medicina dovrebbe aprirsi a filosofie e pratiche che hanno meno a che fare con il fisico, ma più con la psiche. La ricerca e l’ascolto, la comprensione, l’empatia dovrebbero essere, per un medico, ugualmente importanti quanto lo studio, la pratica e la cura della malattia.

MariaGiovanna Luini (nome d’arte di Giovanna Gatti) è prima di tutto un medico con due specializzazioni e un master in senologia chirurgica. Per sedici anni è stata l’assistente di Umberto Veronesi nella direzione scientifica di IEO (Istituto europeo di oncologia, in cui la scrittrice si è formata). Ha pubblicato il romanzo La luce che brilla sui tetti (TEA) e diversi saggi, alcuni con Veronesi. Ha anche collaborato a sceneggiature e promuove al Centro Metis di Milano l’integrazione tra la medicina convenzionale e tecniche di autoconsapevolezza e meditazione. Il Grande Lucernario è “la storia di una rivoluzione e di una sfida”: la vita e l’avvicinamento di un luminare – o, per meglio dire, un lucernario – del calibro di Veronesi al mondo olistico; il percorso lavorativo e personale di Giovanna Gatti, un medico che non abbandona le sue radici, ma “le oltrepapassa”; un’eredità, non solo chirurgica, lasciata al mondo da Veronesi, che ci insegna a dire, fare e pensare quello che siamo: irripetibili, meravigliosi e misteriosi esseri umani.

Commenti