1.411 biblioteche fondate, 1 milione e mezzo di libri donati: scopri i risultati di "African Library Project" e sostieni la lotta all'analfabetismo

I libri come strumento per migliorare le condizioni di vita delle persone del Terzo Mondo: è l’obiettivo di African Library Project, progetto attivato nel 2005 dalla californiana Chris Bradshow e dalla sua famiglia (grazie a una partnership tra Stati Uniti e comunità africane), per incrementare il tasso di alfabetizzazione in Africa attraverso la creazione di biblioteche gestite dai locali nei pressi delle scuole.

I destinatari dell’African Library Project sono quegli stai in cui l’inglese è la lingua ufficiale dell’istruzione, e queste comunità devono essere il primo motore dell’iniziativa: le scuole devono presentare richiesta per una biblioteca a un’organizzazione locale che collabora al progetto, una volta approvata, viene creata una partnership con una scuola o un’organizzazione Usa che si incarica di raccogliere e catalogare i libri da spedire in Africa.

Altri volontari in Africa si occupano di ordinare in una biblioteca sotto la supervisione dei responsabili dell’African Library Project che seguono le varie fasi della sua realizzazione, dalla raccolta fondi alla strutturazione e gestione di una biblioteca.

I risultati non mancano: sono state completate 1.411 biblioteche in Zimbabwe, Zambia, Camerun, Lesotho, Nigeria, Botswana, Swaziland, Malawi, Ghana, Sud Africa e Sierra Leone, con più di 1milione e mezzo di libri donati, più di 1.000 partnership istituite con scuole e organizzazioni americane e 4 conferenze in Botswana, Lesotho, Swaziland e Malawi.

L’African Library Project è un progetto fondamentale nella lotta all’analfabetismo (che in Africa ha il tasso più alto al mondo), consente di ottenere importanti risultati nell’insegnamento scolastico, supportando gli insegnanti con testi ad hoc, tutela libri che negli Stati Uniti finirebbero al macero o non sarebbero consultati e, infine, promuove lo sviluppo delle comunità africane che devono agire in prima persona nella realizzazione e gestione delle biblioteche, diffondendo la mentalità di autogestione della comunità e di crescita autonoma.

Per sostenerlo è possibile fare donazioni. Qui i dettagli.

LEGGI ANCHE:

#ioleggoperchè promuove la lettura tra i “non lettori”

 

Commenti