Alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma si prepara l'inaugurazione di "Spazi900" e di un'area permanente dedicata a Elsa Morante (nella foto) - I particolari

Due spazi per i maestri del nostro ‘900 letterario: martedì 10 febbraio, alle 16, presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (Viale Castro Pretorio, 105) si inaugura Spazi900, un luogo di incontro fra passato e presente all’interno di uno dei poli più significativi e apprezzati per gli studi e la ricerca sulla letteratura italiana contemporanea. Sarà presente il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini.

Il progetto, ideato dal Direttore della Biblioteca Nazionale Andrea De Pasquale e sostenuto dal Direttore Generale Biblioteche e Istituti culturali Rossana Rummo, punta a valorizzare le ricche raccolte librarie e archivistiche dei grandi scrittori italiani del secolo scorso, da Gabriele D’Annunzio ai Novissimi, da Luigi Pirandello a Pier Paolo Pasolini, grazie a percorsi tematici ed esperienze di lettura che ne restituiscano i contenuti in modi nuovi e coinvolgenti. L’area espositiva di Spazi900 si compone di due parti: uno spazio permanente dedicato a Elsa Morante, La stanza di Elsa, con suggestive ricostruzioni del suo laboratorio di scrittura, e uno spazio per le esposizioni temporanee, la Galleria, che fino al 31 maggio ospita la mostra 900 in 8 tempi, dedicata a poeti e scrittori che hanno segnato il XX secolo.

Nell’area museale è presente uno spazio audiovisivo per la visione di filmati d’autore o tratti dalle Teche Rai, relativi agli scrittori del Novecento. E non solo: i visitatori potranno approfondire tutti i contenuti su formati digitali sfogliabili attraverso 4 totem touch screen di ultimissima generazione.

Spazi900 si propone come base per sviluppare e promuovere attività didattiche, laboratori, iniziative di promozione culturale, incontri letterari e circoli di lettura, diventando inoltre uno stabile punto di riferimento per quegli autori o eredi che intendano lasciare alle istituzioni pubbliche il loro patrimonio di carte.

LEGGI ANCHE:

Qual è il miglior libro italiano del ‘900? Ecco come partecipare al “MundialLibro”

Commenti