I consigli dell'editore per pubblicare almeno un libro di successo...

-1) Frequenta con assiduità le fiere di settore, dove si comprano i diritti di edizione. In tal modo, nel tempo, i tuoi interlocutori saranno rassicurati sul fatto che ci sei oggi e ci sarai anche quando tra uno o cinque anni il libro che hai acquistato verrà pubblicato e dovrà essere promosso . In tal modo riuscirai a prendere 20 appuntamenti al giorno per sentire da agenti e editori cosa bolle in pentola.

 

-2) Abbi un nome tale per cui tutti gli editori e gli agenti del mondo nonché gli aspiranti scrittori nostrani ti propongano i loro manoscritti sperando che tu li prenda in considerazione per la pubblicazione. La tua parola deve valere come il contratto siglato davanti a un notaio.

 

-3) Scegli tra 2000 opere che ti vengono sottoposte quella sulla quale pensi di voler scommettere e lavorare con impegno. Tenendo presente la tua soddisfazione quando l’hai letta, la possibilità di migliorare quello che non va, le tendenze del mercato per le quali studi le classifiche ogni settimana da anni. Oppure tieni solo presente che quel libro ti ha cambiato qualcosa, ti fa vedere le cose in modo un po’ diverso da prima. Ascolta il tuo istinto e spera che non sia solitario. Ma attenzione: devi anche saper comunicare perché quel libro e non un altro.

 

-4) Offri prima e meglio dei tuoi concorrenti, che sia un’asta, un’offerta al buio o una normale offerta. Convinci l’autore che tu hai capito veramente quel libro, trasmettigli la passione che ti anima.

 

-5) Affidalo a un traduttore o a un editor adatto a quel libro, alla personalità dell’autore e che sia disponibile al momento giusto. Che si appassioni come te. In alternativa te ne occupi tu in prima persona.

 

-6) Promuovilo innanzitutto ai tuoi collaboratori. Se non ci credono loro non ci crederanno nemmeno gli altri. Cerca di capire che cosa veramente di quel libro ti ha toccato, che cosa può colpire i suoi futuri lettori e, soprattutto, come puoi comunicarlo in pochi secondi e in poche righe ai librai e ai lettori che dovrai convincere, innanzitutto, a leggerlo.

 

-7)  Scegli un’illustrazione adatta, che parli a chi la guarda, intonata al libro e, allo stesso tempo, che risalti tra le mille altre che la circonderanno in libreria. Inquadrala in una copertina chiara e precisa, che si legga in libreria ma anche quando è ridotta alle dimensioni di un francobollo su internet.

 

-8) Scegli un titolo originale ma forte, coerente e sensibile, che sia fatto della stessa stoffa con la quale è fatto il libro. Un titolo adatto a chi ancora il libro non lo ha letto e adatto a quella copertina. Convinci l’autore che è questo il titolo giusto e non quello che lui cullava da mesi in cuor suo. Offrigli delle alternative, cerca una sintesi tra quel che lui vuol comunicare e quel che il pubblico è pronto a ricevere.

 

-9) Scegli bene cosa mettere in quarta, se applicare o no una fascetta. Non basta averlo letto, devi anche sapere cosa è successo negli altri Paesi nei quali è stato pubblicato, se intanto lo hanno pubblicato. Devi avere su quel libro tutte le notizie possibili.

 

-1o) Abbi cura di stamparlo nel formato giusto, con il corpo giusto e la foliazione giusta, in modo che i conti tornino e l’oggetto sia ben proporzionato al prezzo necessario a venderlo e poter sperare di recuperare quanto hai investito.

 

-11) Abbi un nome affidabile presso i librai, che lo devono prenotare prima che sia pubblicato, sulla base di quello che tu dici loro e di ciò che loro credono di ciò che dici. Perciò devi aver già dimostrato di averci preso, o devi essere così bravo a dire quel che devi dire da far scattare qualcosa di nuovo nella testa di chi ti legge.

 

-12) Scegli il momento giusto per pubblicarlo e incrocia le dita. Possono accadere cose che non puoi prevedere e che impediscono che la pubblicazione di quel libro sia un evento.

 

-13) Dotati di una rete di vendita che a sua volta sappia mantenere la parola con i librai, che sia per loro un prezioso aiuto nell’identificare ciò che emerge dalle migliaia di titoli dai quali sono bombardati. Che lo assista nei momenti di confusione e difficoltà.

 

-14) Attraverso buone pubblicazioni fai sì che il pubblico riconosca il tuo marchio.

 

-15) Armati di una efficiente ed efficace promozione e distribuzione in libreria. Se il libro suscita l’interesse dei media, ma poi in libreria non si trova, tutta l’energia del lancio si disperde.

 

-16) Scegli i giornalisti giusti che possono capire quel libro, che hanno lo spazio per parlarne, fai in modo che i social, se il libro è adatto, sappiano che esiste, che siano provocati dai temi che quel libro affronta. Cerca di farglielo leggere, sii credibile e affidabile.

 

-17) Correda il tutto con buon materiale per il punto di vendita, perché i librai che ci hanno creduto con te lo possano indicare ai propri clienti con facilità e onestà.

 

-18) Segui giorno per giorno il sellout, cerca di capire dove il libro funziona e dove no, dove c’è bisogno di spingerlo e quando è il momento di ricordarlo e ristamparlo.

 

-19) Abbi molta fortuna e, se ce l’hai, ringrazia il cielo, non credere mai di aver capito tutto, perché non è mai vero.

 

-20) Ripeti 100 volte i passaggi da 3 a 19 con convinzione. Ecco sfornato almeno un bestseller…

 

E’ proprio con questo spirito e con questa tenacia che Longanesi pubblica a gennaio La tentazione di essere felici di Lorenzo MaroneGarzanti, sempre a gennaio, Ogni giorno come fossi bambina di Michela Tilli; e Nord, a maggio, Guida astrologica per cuori infranti di Silvia Zucca. Insieme a loro, molti editori stranieri sono già stati contagiati da eguale passione per questi nostri tre autori.

 

*L’autore, presidente e Ad del gruppo GeMS, è editore de IlLibraio.it

Commenti