Da "Guarda!" di Joel Meyerowitz a Nobuyoshi Araki, passando per David Lachapelle e Ren Hang: un campionario - che non ha la pretesa di essere esaustivo - di titoli che indagano l’arte fotografica

La fotografia è un’arte in grado di raccontare storie molto potenti. Quando osserviamo uno scatto d’impatto, si attiva in noi un treno di pensieri in grado di costruire un immaginario che ci travolge completamente. La guida qui di seguito ha l’obiettivo di essere un campionario – non esaustivo – di titoli che indagano l’arte fotografica. 

Joel Meyerowitz – Guarda!

Joel Meyerowitz - Guarda!

Libro splendido, nel formato e nel contenuto, pensato per un pubblico più giovane (ma che anche tantissimi adulti non si lasceranno scappare). In Guarda! (Contrasto) Meyerowitz seleziona alcuni degli scatti più importanti dell’arte fotografica, guidando il lettore alla scoperta dello sguardo, svelando i trucchi e i talenti di chi sa osservare e lo spinge proprio a guardare meglio il mondo circostante, rendendolo attento a cogliere l’attimo e ad accorgersi che ogni singolo secondo di una giornata ha una storia da raccontare. 

Nobuyoshi Araki – Tokyo Lucky Hole

Nobuyoshi Araki - Tokyo Lucky Hole

Uno dei libri cult del fotografo giapponese Nobuyoshi Araki, assiduo frequentatore di quelli che negli anni ’80 erano “i luoghi del piacere” della Tokyo notturna, soprattutto nel quartiere Shinjuku, ancora oggi il nucleo della movida della capitale nipponica. Erano discoteche e club dove ogni tabù veniva esplorato senza vergogna, in un’epoca in cui il Giappone viveva la sua vetta a livello di ricchezza economica. Le notti selvagge di quegli anni vengono documentate da Araki in Tokyo Lucky Hole (Taschen), con fotografie capaci di cogliere il ribollire dell’eros, sempre senza filtri ma evitando comunque la volgarità gratuita. 

Nobuyoshi Araki – Araki

Nobuyoshi Araki - Araki

Se invece non si conosce appieno l’arte di Araki, quest’altro volume edito da Taschen è una completa raccolta della produzione poliedrica del fotografo: dagli iconici nudi bondage alle nature morte di fiori coloratissimi, passando per i commoventi ritratti dell’amore travolgente che lo univa alla compagna Yoko Araki, tristemente scomparsa per malattia nel 1990. 

David Lachapelle – LOST + FOUND
David Lachapelle – Good News. Part II 

Satirica, perturbante, dai colori psichedelici e in bilico tra estetica pop e camp. L’arte dell’americano David Lachapelle è unica e ha fatto scuola per molti fotografi di oggi. La summa della sua produzione è racchiusa in questi due volumi, usciti in contemporanea per Taschen, tra opere che sembrano ricreare utopie sotto acido agli iconici ritratti alle celebrity. Due libri preziosi e di alto valore estetico, che raccontano con splendore e cinismo l’epoca ambigua in cui viviamo. 

Makoto Azuma & Shunsuke Shiinoki – Florilegio: i fiori, il tempo, la vita

florilegio

Florilegio: i fiori, il tempo, la vita (L’ippocampo) è un libro d’arte che svela le creazioni mozzafiato di Makoto Azuma, floral artist in grado di donare nuova vita a fiori recisi attraverso composizioni che pullulano di vita. Le opere di Makoto sono un vero e proprio tuffo nella bellezza, reso possibile dagli scatti del suo collaboratore fotografo Shunsuke Shiinoki.

Ren Hang – Ren Hang

Ren Hang - Ren Hang (Taschen)

Tristemente scomparso giovanissimo, Ren Hang ha incarnato una delle voci più intriganti e ribelli della nuova arte cinese: fotografo appassionato di corpi, fotografati come se fossero paesaggi indagati con anarchica e scoppiettante ironia, ma senza dimenticare una cura estetica di composizione solo apparentemente grezza. Il talento di Hang è racchiuso in questo libro edito da Taschen, una sorta di “greatest hits” che racchiude i suoi scatti più controversi. 

Nino Strachey – Stanze tutte per sé

Nino Strachey - Stanze tutte per sé (L’ippocampo

Interessante saggio fotografico, Stanze tutte per sé (L’ippocampo) offre una panoramica sul circolo intellettuale Bloomsbury, attraverso le vite di tre figure chiave della letteratura e icone queer: Virginia Woolf, Vita Sackville-West e Eddy Sackville-West. In un’Inghilterra in cui l’omosessualità era ancora reato, il circolo appariva come una piccola oasi in cui si discuteva di arte, si viveva di letteratura e dove ognuno esplorava la propria sessualità senza timore. Strachey racconta quegli anni attraverso fotografie delle stanze in cui i tre hanno vissuto, svelando come i luoghi in cui abitiamo raccontino molto più di noi di quanto lo possano fare le parole. 

Oliver Wainwright – Inside North Korea

Oliver Wainwright - Inside North Korea

Una delle nazioni più chiuse e misteriose al mondo viene sondata dall’occhio di Oliver Wainwright, fotoreporter del Guardian, che racconta la Corea del Nord attraverso le scenografiche architetture che dominano Pyongyang. In Inside North Korea (Taschen), Pyongyang ci appare come una metropoli ambigua e affascinante, in cui pullulano utopie architettoniche di marmi, mosaici e sorprendenti accostamenti color pastello che ricordano i set dei film di Wes Anderson. 

Commenti