Sinossi

«Il nono libro del trattato di Paracelso Sulla natura delle cose s’intitola De signatura rerum naturalium (Sulla segnatura delle cose naturali). L’idea che che tutte le cose portino un segno che manifesta e rivela le loro qualità invisibili è il nucleo originale dell’episteme paracelsiana. [...]In questo senso, se – come scrive Paracelso – “tutte le cose, erbe, semi, pietre, radici dischiudono nelle loro qualità, forme e figure ciò che è in esse”, se “vengono tutte conosciute attraverso il loro signatum”, allora “la signatura è la scienza attraverso cui tutto ciò che è nascosto viene trovato e senza quest’arte non si può fare nulla di profondo”. Questa scienza è tuttavia, come ogni sapere, una conseguenzadel peccato, perché Adamo nell’Eden era assolutamente “non-segnato” e tale sarebbe rimasto se non fosse “caduto nella natura”, che non “lascia nulla non-segnato”».

Così inizia questo libro di Agamben dedicato ai problemi del metodo e diviso in tre parti, corrispondenti ad altrettante riflessioni su tre aspetti specifici: a) il concetto di paradigma;b) la teoria delle segnature; c) la relazione fra storia e archeologia.
Spunto per queste considerazioni è l’indagine sul metodo di uno studioso come Michel Foucault, sul quale Agamben dichiara di aver avuto occasione, negli ultimi anni, di apprendere molto. Così, accanto alla riflessione sul pensiero di Paracelso, il volume costituisce anche una nuova lettura del grande filosofo francese e della sua archeologia del sapere.

  • ISBN: 8833918580
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 120

Dove trovarlo

€14,00

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Eventi

Nessun evento disponibile al momento

Tutti gli eventi

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai