Sinossi

La bellezza carnosa e sgargiante del gladiolo; i gialli e gli arancioni della zinnia; i grandi calici bianchi della magnolia; il profumo «aspro e delizioso» del narciso e quello tenero della viola; lo spettacolo solenne di una vecchia quercia caduta; la fragilità malinconica di un pesco piegato dal föhn. E il passaggio delle stagioni, lo straordinario mutare delle forme e dei colori: il verde dei «prati tempestati dalla prima fioritura allegra e multicolore»; le tinte cariche, turgide dell’estate inoltrata; le impareggiabili luci dell’autunno. Scrittore sensibilissimo alla natura, osservatore partecipe della vita vegetale, Hermann Hesse ha trovato nel giardino – nei propri giardini, da quello bernese a quello sul lago di Costanza a quello amatissimo della Montagnola – un luogo prediletto del riposo, della riflessione, dell’ascolto, della scrittura. In questi testi – prose, lettere, poesie, brevi «narrazioni naturali», cui si aggiungono gli acquerelli – ha restituito il senso della sua esperienza. Esperienza fattiva, concreta (Hesse è stato, nei suoi giardini e nei suoi orti, un coltivatore tenace e appassionato), ed esperienza interiore, spirituale.

  • ISBN: 8823511313
  • Casa Editrice: Guanda
  • Pagine: 168

Dove trovarlo

€12,00

Recensioni

Al momento non ci sono recensioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai