Rivolta e rassegnazione

Tutti i formati dell'opera

Acquistalo

Sinossi

Solitamente ci affrettiamo a togliere dalla vista ogni segno o richiamo della nostra debolezza, della nostra mortalità, e ciò è più che comprensibile. In un’epoca in cui l’intelligenza si distoglie non solo dalle vicende immediate della coscienza, ma più in generale dall’uomo, Améry riflette in questo suo libro sul vissuto, sui segni che la vita lascia sul nostro corpo, registrando con la maggiore lucidità e fedeltà possibili i processi nei quali si trova invischiato chi invecchia, cioè tutti noi. Le sue sono le riflessioni di uno stoico estremo, che procedono sostanzialmente con il metodo dell’introspezione, senza tuttavia trascurare l’osservazione e l’immedesimazione, ma tralasciando volutamente ogni criterio di scientificità, o tantomeno di rigore logico. Con la stessa disincantata lucidità con cui ha analizzato la sua esperienza di sopravvissuto ad Auschwitz, Jean Améry riflette su quell’implacabile perdita di terreno che chiamiamo invecchiare, e, anche se la sua analisi mette in gioco la sua propria sfera personale, e nonostante non vi sia traccia di dubbie attribuzioni di valore del declino – la saggezza dei vecchi, la nobiltà della rassegnazione –, le sue parole riguardano tutti noi.

  • ISBN: 8833924661
  • Casa Editrice: Bollati Boringhieri
  • Pagine: 149

Dove trovarlo

€16,00

Recensioni

Aggiungi la tua recensione

Citazioni

Al momento non ci sono citazioni, inserisci tu la prima!

Aggiungi citazione

Il Libraio per te

Scopri i nostri suggerimenti di lettura

Ancora alla ricerca del libro perfetto?

Compila uno o più campi e lo troverai