La storia e il catalogo di Pelledoca, nuova casa editrice dedicata al "mistery e al poliziesco per ragazzi dai 9 ai 15 anni", raccontati dalla Direttrice editoriale Lodovica Cima, che sottolinea come la preadolescenza sia il momento in cui "i ragazzi sperimentano un gap tra la vita e la scuola e non sempre sono interessati a leggere i libri consigliati dagli insegnanti". Inoltre, parla dell'importanza di "accompagnare con cura i libri nel mondo"... - L'intervista de ilLibraio.it

Esiste una casa editrice per ragazzi che si dedica solo al genere poliziesco e mistery: è Pelledoca editore, nata “dal notaio a inizio 2016, ma da aprile di quest’anno in libreria con le prime uscite, tra cui un’edizione illustrata de I topi di Dino Buzzati“.

“I libri di Pelledoca si rivolgono a una fascia d’età in cui si verifica un gap tra la scuola e la vita. I ragazzi tra i 9 e i 14 anni, spesso, non leggono di buon gradi i libri consigliati dagli insegnanti”, racconta a ilLibraio.it Lodovica Cima, autrice ed editor di letteratura per ragazzi e Direttore editoriale di Pelledoca edizioni.

Pelledoca

La casa editrice, “dedicata al mistero e al poliziesco pensato per lettori delle scuole medie e del bienni delle superiori”, nasce dall’incontro di “quattro amici appassionati di lettura”: Lodovica Cima, Luca Panzieri (dell’agenzia di servizi editoriali Langue&Parole) e due finanziatori.

“Pelledoca si compone di due collane: Occhi aperti, dedicata agli illustrati”, e poi la collana di romanzi gialli a misura di ragazzino. Tra questi Nella rete di Georgia Manzi, “un mistery adatto ai lettori dai nove anni in su” e Non chiudere gli occhi di Francesco Formaggi, per ragazzi dai dodici anni, “in cui si affronta anche il tema del bullismo”.

Le prossime uscite della collana dedicata agli illustrati, previste per settembre, includono una “riscrittura di Beatrice Masini della fiaba di Barbablù in chiave femminista: l’ultima moglie, infatti, si salva da sola”, e “un progetto di 21 racconti per affrontare le paure dei ragazzi, nato dalla collaborazione con Andrea Valente”. Tra i timori affrontati, anche “la paura del silenzio e quella di non essere uguali agli altri: temi molto sentiti dai più giovani, soprattutto negli anni dell’adolescenza”.

 

Pelledoca Pelledoca

Lodovica Cima, inoltre, sta lavorando “alla traduzione di un poliziesco francese strutturato come la trascrizione degli interrogatori tenuti dalla polizia, che uscirà a marzo 2018”. Nello stesso periodo Pelledoca pubblicherà anche l’opera per ragazzi di “una celebre giallista italiana” e un illustrato di Tiziano Fratus, conosciuto per le opere dedicate agli alberi.

“Le uscite di Pelledoca non sono moltissime, si fermano a sei all’anno, ma ce ne prendiamo cura come se fossero i nostri cuccioli, perché i libri vanno creati e poi accompagnati con cura nel mondo”, conclude l’editrice.

Commenti