"Rovine " di Peter Kuper illustra il racconto di una giovane coppia sposata in crisi (lei scrittrice, lui artista), che cerca di ritrovarsi andando a vivere in Messico, una migrazione che si intreccia con quella verso sud di una farfalla monarca...

Rovine di Peter Kuper (Tunuè, traduzione di Vanni Santoni), autore americano di fumetti alternativi, è un graphic novel, vincitore del premio Eisner 2016, che racconta la storia di una giovane coppia sposata, Samantha e George, che ha deciso di prendersi un anno sabbatico e passarlo a Oaxaca, in Messico. 

peter kuper rovine

Samantha e George hanno deciso di partire per vivere insieme un anno sabbatico nel caratteristico centro messicano di Oaxaca, ma con stati d’animo differenti: per Samantha il viaggio rappresenta l’opportunità di pensare al passato e finire il romanzo su cui lavora, mentre George, pittore, spera di trovare l’ispirazione, ma per lui si tratta di un salto nel vuoto per nulla rassicurante.

Allo stesso tempo, entrambi, sperano di poter rinsaldare il loro rapporto in crisi. Ma il contesto così radicalmente diverso da quello abituale finirà per esasperare i contrasti della coppia

peter kuper rovine farfalla

Nel momento stesso in cui i due partono, una farfalla monarca inizia il suo annuale percorso dal sud del Canada verso il Messico, creando analogie sorprendentemente efficaci e profonde con il percorso dei due protagonisti e il loro processo d’adattamento ad ambienti diversi. Il volo dell’elegante insetto su una distesa di rovine diventa così il cammino di Samantha e George, in quella che Peter Kuper dipinge come una città sconvolta da disordini politici ed eventi che rivoluzioneranno per sempre le loro vite.

peter kuper rovine messico

La farfalla monarca diventa così una metafora, usata da Peter Kuper per accompagnare la narrazione del rapporto fra Samantha e George. Il suo viaggio, che parte dal Canada e prosegue per tremila miglia, attraversando le frontiere, verso un clima più mite, sfidando l’inquinamento, i problemi ambientali e le calamità naturali, è raccontato in nitide tavole prive di ogni parola, che si alternano con quelle dove compare la coppia, dense, invece, di dialoghi.

Commenti