"Piccole esistenze" è la terza prova letteraria di Lorenzo Fusoni, già autore de "Il libro di Josh"

Horace Prynton è vicedirettore di una prestigiosa rivista letteraria di New York. E’ sposato, ha due splendidi bambini e potrebbe essere un uomo felice. Ma Horace da un po’ di tempo ha uno spaventoso sospetto: quello di essere già stato qualcun altro, di aver già vissuto in precedenza. La sua vita di successo è turbata da continue reminiscenze, fulminei frammenti di vite già vissute, come se avesse conosciuto altre epoche, altri paesi… ricordi nitidi eppure inafferrabili di esistenze passate e future che appaiono all’improvviso, apparentemente senza origine, e che lo spingono a cercare il filo rosso che le ricongiunge: Amaelia, il cui viso angelico è scolpito nella sua mente fin dalla prima infanzia, la sola e unica donna che abbia mai amato ma che è sicuro di non aver mai incontrato nella sua vita attuale.

Lorenzo Fusoni

Musa sfuggente e donna fatale, Amaelia richiama e tormenta Horace con infinite e opache suggestioni, costringendolo a un continuo interrogarsi sulle “piccole esistenze”, in apparenza insignificanti, che attraversano la sua quotidianità. Individui marginali o incidentali che non possono più essere ignorati perché ciascuno di loro potrebbe ricondurlo a lei, il suo unico e grande amore eterno.

Piccole Esistenze, libro di Lorenzo Fusoni pubblicato da Ianieri Edizioni, è un romanzo d’amore e insieme un’analisi intellettuale, un racconto esistenziale nel quale prospettive paranormali, indagine psicologica e atmosfere gotiche si intrecciano.

 

 

Commenti