Niccolò Agliardi, autore, cantautore e compositore, pubblica il suo primo romanzo, "Ti devo un ritorno". Il protagonista è un "quasi uomo" che, messo di fronte alla vita, sarà costretto a crescere. Tema centrale è la "scelta"...

Niccolò Agliardi è autore, compositore, cantautore e adesso, con il suo primo romanzo, anche scrittore.

In versione autore e cantautore ha prodotto quattro dischi inediti e collaborato con molti grandi nomi della musica italiana: Eros Ramazzotti, Zucchero, Elisa. Per Laura Pausini ha scritto il brano Invece no, per cui è stato nominato ai Latin Grammy Awards.

Come compositore, gli si devono, tra le altre, le canzoni originali della colonna sonora di tutte e tre le stagioni di Braccialetti rossi, la serie tv con cui ha vinto due premi al Festival del Cinema di Roma del 2014.

E veniamo al suo debutto da romanziere. Agliardi scrittore lo era già stato grazie alla collaborazione con Alessandro Cattelan per Ma la vita è un’altra cosa (Mondadori). Ma con Ti devo un ritorno (Salani) firma la sua prima opera da solista, con la supervisione giornalistica di Andrea Amato.

Il romanzo è la storia di Pietro, un ragazzo di trentadue anni. Un ragazzo, esattamente, perché un uomo lo è ancora solo a metà. Fallisce nel surf, si sente pieno di paure, non trova una direzione stabile da dare alla propria vita. Poi un giorno muore suo padre, all’improvviso. E così il suo mondo cambia, per sempre. Pietro scappa. Scappa da quella Milano che è sempre stata la sua casa, ma che d’un tratto sembra diventata fin troppo stretta stretta. Scappa nelle Azzorre, dove incontra Vasco.

Vasco ha diciott’anni, lui sì che è un ragazzino. Comincia un’amicizia, uno di quei rapporti sinceri e genuini che possono nascere solo tra padre e figlio.  E Pietro finalmente cresce. Si sente più maturo, più sicuro. Diventa persino protettivo.

Ma poi c’è quel naufragio. Tutta quella cocaina che arriva in colpo solo sulle coste dell’isola. E Pietro si trova nuovamente di fronte a una scelta. Solo che questa volta non sarà unicamente la sua vita a subirne le conseguenze.

 

Commenti