Nel cuore di una Sardegna misteriosa, l’avventura di Sante raccontata da Maurizio Maggi nel suo nuovo romanzo, "La coda del diavolo" non è soltanto una corsa contro il tempo, ma è anche la storia di un uomo solo davanti a grandi interrogativi...

È una rara notte di temporali, in Sardegna, quando arriva il mostro. La ragazza era riuscita a fuggire, ma lui, il suo rapitore e aguzzino, l’ha inseguita e l’ha uccisa, incurante del fatto che a pochi metri di distanza ci fosse una pattuglia dei carabinieri. Subito arrestato, il mostro viene portato in carcere.
Lì, ad attenderlo, c’è un mondo chiuso fra mura spesse e sbarre di ferro alle finestre. Lì, soprattutto, c’è Sante. E l’arrivo di quell’assassino è forse la sua occasione di redimersi. Sante ha un segreto da nascondere, una colpa da espiare, un passato da cui scappare. Eppure, Sante è in prigione per sua stessa volontà. Perché non è un carcerato, ma una guardia, e la sua è una condanna autoinflitta. Ma quella notte tutto cambia.
Il mostro è ricco e protetto, ha agganci altolocati. Se la caverà, dice a Sante l’avvocato della madre della vittima. L’assassino ne uscirà, a meno che Sante non intervenga. E lo uccida. L’avvocato promette a Sante un alibi, una copertura, una via d’uscita e soprattutto tanti soldi. Uccidere è la cosa giusta? si chiede Sante. Può un peccato cancellarne un altro?
Ma il giorno dopo, nulla di tutto ciò ha più importanza. Sante è un uomo costretto alla fuga e in cerca della verità. Una verità che emerge poco a poco in un quadro sempre più sconvolgente…

Che tipo di
avventura fa per te?

Scoprilo con il nostro test

Nel cuore di una Sardegna misteriosa, l’avventura di Sante raccontata da Maurizio Maggi nel suo nuovo romanzo, La coda del diavolo (Longanesi) non è soltanto una corsa contro il tempo, ma è anche la storia di un uomo solo davanti a grandi interrogativi.

 

Commenti