Dal 19 al 25 agosto torna a Santa Maria Maggiore "Sentieri e Pensieri", il festival letterario diretto da Bruno Gambarotta. Tra i protagonisti della settima edizione Marco Albino Ferrari, Eraldo Pecci, Alice Basso, Mario Botta, Billy Costacurta e Simona Sparaco

Da lunedì 19 a domenica 25 agosto, torna Sentieri e Pensieri, la rassegna estiva diretta da Bruno Gambarotta e organizzata dal 2013 dal Comune di Santa Maria Maggiore (di cui ilLibraio.it è media partner). Tanti saranno gli ospiti in Piazza Risorgimento per il festival nato sette anni fa sotto l’egida del Salone del Libro di Torino, e oggi organizzato con il sostegno e patrocinio di Regione Piemonte, Fondazione Circolo dei lettori e dal 2018 parte del circuito di Borgate dal vivo.

“Per spiegare l’intento che ci anima nell’ideazione del nostro festival – afferma Gambarotta – prendo in prestito il titolo Il caso e la necessità, lavoro di Jacques Monod del 1970, comprato ‘per caso’ su una bancarella di libri usati, solo in forza del titolo, e che mi ha aperto la mente su vasti orizzonti.

La necessità

Quante sono le ore da noi trascorse a fare letture obbligate sulla carta o sugli schermi? Tante, troppe e ogni anno aumentano. Relazioni, simposi, verbali di assemblea, contratti, report, testi da valutare e da correggere, informative, curricula, domande di assunzione, testimonianze e quei testi narrativi che sembra tutti abbiano letti e che bisogna assolutamente conoscere per non restare tagliati fuori dalla conversazione. Una frase ricorrente suona sinistra alle nostre orecchie: “Dobbiamo scaricare il manuale”. Per ogni pratica è d’obbligo consultare il manuale, anche per allacciarsi le scarpe o per stappare una bottiglia di spumante. Quando i manuali erano su carta dovevano tendere alla concisione perché ogni foglio costava, ora che sono
su schermo dilagano, sono altrettante Treccani. Una ditta americana produttrice di forni a microonde è stata condannata a risarcire con un milione di dollari una signora che, dopo aver fatto il bagno alla sua gatta l’ha messa ad asciugare nel forno a microonde. La gatta è scoppiata, lei ha iniziato sedute perenni dallo psicanalista ma in compenso è diventata ricca perché il manuale allegato al forno non l’aveva messa in guardia a proposito di gatti bagnati.

Il Caso

Per fortuna nella gabbia di letture obbligate di tanto in tanto fa il suo ingresso il Caso che apre nuovi e imprevedibili orizzonti. Antonio Tabucchi in sosta forzata per un treno in ritardo alla Gare de Lyon di Parigi, per far trascorrere il tempo, compra da un’edicola un libretto di poesia e prosa firmato da un autore mai sentito prima che era uno dei tanti eteronimi dello scrittore portoghese Fernando Pessoa; ne resta folgorato al punto da dedicare molti anni della sua vita di studioso a farlo conoscere anche in Italia. Siamo arrivati alla molla centrale del nostro festival: nella fondata ipotesi che durante i giorni di vacanza venga meno o si allenti la pressione delle letture necessarie, vogliamo spianare la strada al Caso, moltiplicare le occasioni nelle quali i nostri amici, accostandosi al Festival senza obblighi di sorta (tessere, prenotazioni, compilazioni di schede) vengono a contatto “per caso” con autori e opere che accendano in loro una scintilla di curiosità o di interesse, destinata a durare un’ora o una vita. Perciò il ventaglio delle proposte – conclude Gambarotta – è il più ampio possibile, senza distinzione fra cultura alta e cultura bassa, temi centrali o temi periferici. Unico criterio la qualità dell’offerta e su questo punto ci mettiamo la faccia”.

“Sono particolarmente orgoglioso di poter salutare la settima edizione del nostro festival letterario: questo appuntamento – conferma il Sindaco di Santa Maria Maggiore, Claudio Cottini – è certamente un fiore all’occhiello della nostra proposta culturale”.

Per tutta la durata dell’evento un bookshop temporaneo viene allestito in Piazza Risorgimento, sotto la gestione dell’Associazione Libriamoci che accoglie gli editori e i librai del Verbano Cusio Ossola.

Confermati anche per questa edizione gli appuntamenti mattutini di Sentieri e Pensieri KIDS, con escursioni letterarie, presentazioni e laboratori, che culmineranno con l’incontro tra Marco Cattaneo e Billy Costacurta il 23 agosto alle ore 21.

Tra le novità dell’edizione 2019 c’è il restyling dell’immagine del festival: l’intero borgo sarà impreziosito da una serie di cartonati di grandi dimensioni dedicati a Sentieri e Pensieri e il palco avrà una nuova quinta: i disegni sono di Francesca Tabasso, docente alla Scuola Internazionale di Comics, illustratrice e character designer torinese.

IL PROGRAMMA

Domenica 18 agosto si terrà un’anteprima. La Sala Mandamentale del Vecchio Municipio ospiterà alle ore 18 una “Degustazione libraria in attesa di Sentieri e Pensieri”: l’incontro sarà tenuto dall’hobbista della carta Raimondo Caliari che illustrerà al pubblico una sorta di vademecum dedicato alla cura del libro, con brevi note di pulizia, protezione e conservazione.

Marco Albino Ferrari, con il suo monologo dedicato a La via incantata (Ponte alle Grazie), sarà ospite il 19 agosto alle 18 nell’appuntamento curato dal Parco Nazionale della Val Grande.

Alle 21 dello stesso giorno, in collaborazione con il CAI Valle Vigezzo, Franco Michieli presenterà il suo libro Andare per silenzi (Sperling&Kupfer), con immagini e suggestioni.

Dopo questa iniziale full immersion nel mondo della montagna e dell’escursionismo, Sentieri e Pensieri proporrà un percorso di spunti letterari. Si partirà martedì 20 agosto alle ore 18 da una discussa vicenda giudiziaria degli anni ’90 narrata nel libro Veleno (Einaudi) di Pablo Trincia, autore dell’omonimo podcast. Subito dopo, alle ore 21 sul palco di Piazza Risorgimento, Roberto Maroni metterà allo specchio politica romana e politica milanese con Il rito ambrosiano. Per una politica della concretezza (Rizzoli).

Alle ore 18 del 21 agosto Davide Giacalone porterà a Santa Maria Maggiore Arrivano i barbari (Rubbettino). Alle 21 l’architetto Mario Botta, in dialogo con Armando Besio, presenterà Angeli, arcangeli e demoni del Ticino: le grandi bellezze della Svizzera Italiana.

Giovedì 22 agosto alle 18 una doppia presenza femminile, con la scrittrice Alice Basso e la giornalista e scrittrice Annarita Briganti, porterà il pubblico alla scoperta della raccolta Mariti (Piemme). Torna Eraldo Pecci, alle ore 21 al Teatro Comunale, con Ci piaceva giocare a pallone (Rizzoli).

Venerdì 23 agosto un doppio incontro, alle ore 18, condurrà il pubblico del festival ad affrontare un parallelo tra il crollo di due ponti. Il primo, avvenuto a Moncalieri nel maggio 1939, è quello raccontato da Bruno Gambarotta nel suo ultimo libro Ero io su quel ponte (Manni). Il secondo è molto più recente: Genova, agosto 2018, a un anno dal crollo del Ponte Morandi parenti e amici delle vittime, guidati da Benedetta Alciato, pubblicano – e presentano in anteprima a Sentieri e Pensieri – il volume Vite spezzate – Genova, 14 agosto 2018 (Il Canneto). Alle ore 21 si tornerà a parlare di calcio: Costacurta e  Cattaneo saranno gli ospiti di punta della sezione Kids con Il calcio e lo scolapasta. Zio Billy e i suoi amici (Salani).

Sabato 24 agosto alle ore 18 si parlerà del passato migratorio dalla Val Vigezzo, con gli storici e scrittori Benito Mazzi ed Enrico Rizzi e il loro incontro dal titolo “L’emigrazione vigezzina: una grande storia vera”.

Alle ore 21 un tributo al “campionissimo” con la presentazione di Alfabeto Fausto Coppi (Ediciclo): presenterà il libro uno degli autori, Gino Cervi, accompagnato da Marina Coppi, figlia del ciclista piemontese.

Chiuderanno il festival alle ore 18 del 25 agosto Simona Sparaco, con la presentazione del suo nuovo libro Nel silenzio delle nostre parole  (DeAPlaneta) e alle 21, con il “Rìding Tristocomico” di Arianna Porcelli Safonov, attrice e autrice comica di successo.

Commenti