Da giovedì 12 a lunedì 16 maggio, il sito ilLibraio.it sarà protagonista al Salone del Libro di Torino. Per la prima volta, in un nuovo stand dedicato, ospiterà una serie di incontri con l’intento di promuovere la lettura e approfondire le nuove dinamiche del mercato editoriale. Giovedì 12 maggio, alle 11, si parte con un appuntamento rivolto alle scuole elementari, che "svelerà" ai bambini come nascono le storie...

Da giovedì 12 a lunedì 16 maggio, il sito ilLibraio.it – punto di riferimento per lettori, autori, librai, media e mondo dell’editoria – sarà protagonista al Salone del Libro di Torino 2016. Per la prima volta, in un nuovo stand dedicato, ospiterà una serie di incontri con l’intento di promuovere la lettura e approfondire le nuove dinamiche del mercato editoriale. Gli eventi, che coinvolgeranno piccoli e grandi editori, si rivolgeranno ai lettori di tutte le età, come anche agli addetti ai lavori. Tra i protagonisti degli appuntamenti, scrittori, librai, editor, esperti di editoria digitale, traduttori, agenti, giornalisti e bibliotecari. Gli eventi sperimenteranno nuovi format, in grado di coinvolgere sia i lettori fisicamente presenti al Salone, sia gli appassionati di libri di tutta Italia.

ilLibraio.it - ilLibraio - il Libraio

ilLibraio.it al Salone di Torino: ecco il programma completo degli appuntamenti allo stand

Giovedì 12 maggio, alle ore 11, aprirà la serie di eventi l’incontro Raccontami una storia: scrivere, leggere e crescere grazie ai libri. Rivolto alle scuole elementari, sarà tenuto da due degli autori per ragazzi più autorevoli: Silvana De Mari, autrice de L’ultimo elfo (Salani) e della trilogia di Hania (Giunti), e Guido Quarzo, insegnante e scrittore che ha recentemente pubblicato Leggere – Un gioco da ragazzi, scritto con Anna Vivarelli (Salani).

SilvanaDeMariSilvana De Mari

GuidoQuarzoGuido Quarzo

Durante l’incontro i due autori spiegheranno ai bambini come nascono le storie. Il processo di ideazione verrà “svelato” con il coinvolgimento dei piccoli spettatori, a cui verrà richiesto di fare uso della propria fantasia per immaginare nuove narrazioni legate alle esperienze personali.

Commenti