Continua il fermento nell'ambito delle agenzie letterarie, dove debutta United Stories. Spiega Luca Briasco a ilLibraio.it: "Ci ispiriamo a modelli di tipo anglosassone, negli Usa l'agente è quasi sempre il primo editor dell'autore..." - I dettagli sul progetto

Non nascono solo nuove case editrici (l’ultima novità è Solferino, il progetto librario di Urbano Cairo con Rcs). Continua il fermento anche nell’ambito delle agenzie letterarie, dove debutta United Stories, progetto che vede la collaborazione di tre professionisti dell’editoria: Luca Briasco, ex editor di Einaudi Stile Libero, attualmente consulente di minimum fax per la narrativa straniera, Francesca de Lena e Colomba Rossi, curatrice della collana Sabot/age di e/o.

Ci ispiriamo a modelli di tipo anglosassone – spiega a ilLibraio.it Briasco – negli Usa l’agente è quasi sempre il primo editor dell’autore. In Italia è una pratica meno diffusa, anche per ragioni economiche. Noi proviamo a seguire questa strada. Tra l’altro, lavoreremo per singoli progetti, libri o serie di romanzi, e non faremo contratti a tempo con gli autori”.

Quanto ai primi scrittori che hanno aderito al progetto, segnala “Massimo Carlotto, Christian Frascella, Piergiorgio Pulixi, Patrizia Rinaldi e Sara Bilotti. Senza dimenticare gli esordienti e il lavoro di scouting, che è la specialità in particolare di Francesca”.

Briasco, che parallelamente al lavoro in agenzia continuerà a occuparsi degli autori stranieri di minimum fax (“Sugli scrittori italiani, ovviamente, non mi pronuncio”) è allo stesso tempo anche editor indipendente.

Commenti