Da "L'amante di Lady Chatterley" a "I versi satanici", dal "Manifesto del Partito Comunista" a "Via col vento": quali sono i libri più censurati nella storia e dove sono stati proibiti? Un'infografica li riassume, con tanto di motivazioni "ufficiali"

Spesso abbiamo raccontato storie di censura nel mondo di oggi: in Iraq, in Cina, in Israele dove è stato proibito il romanzo che racconta la storia d’amore tra un’israeliana e un palestinese, in Russia dove sono spariti 53 volumi “ideologicamente inadatti” dalle biblioteche scolastiche, per finire con la polemica che ha investito il sindaco di Venezia che ha bandito dalle scuole venete i libri sull’omogenitorialità.

Ma anche libri che adesso sono considerati classici e immancabili nello scaffale di un appassionato lettore, sono stati spesso oggetto di censura in vari momenti storici e in diverse zone del mondo. È famoso il caso de L’amante di Lady Chatterley di D.H. Lawrence che, pur essendo uscito nel 1928, è stato bandito per 32 anni, fino al 196o, per scene e linguaggio apertamente osceni. Via col vento di Margaret Mitchell, invece, è stato bandito dal regime comunista per 65 anni, dal 1936 al 2001. Non ha avuto fortuna neanche George Orwell con entrambi i suoi capolavori: La fattoria degli animali è ancora censurato in Cina, Kenya, Cuba e Emirati Arabi, mentre 1984 è stato censurato per 40 anni (1950-1990) nell’Unione Sovietica.

Altro caso eclatante, che è valso all’autore una condanna a morte e un esilio forzato, sono I versi satanici di Salman Rushdie, censurato sin dalla sua uscita (1988) in India, Bangladesh, Sudan, Sud Africa, Sri Lanka, Egitto, Kenya, Liberia, Pakistan, Qatar, Senegal, Somalia, Thailandia, Indonesia, Kuwait, Malesia, Papua Nuova Guinea, Arabia Saudita, Singapore, Tanzania e Venezuela. Venendo a libri più recenti, sono stati censurati American Psycho di Bret Easton Ellis, non ancora vendibile in Queensland (Australia), e Il codice Da Vinci di Dan Brown, che non può essere acquistato in Libano. Il record, tuttavia, spetta al Manifesto del partito comunista di Karl Marx e Friedrich Engels che, uscito nel 1848, è stato censurato in Turchia fino al 2013, per ben 165 anni. 

Qui di seguito trovate un’infografica, tratta dal sito ebookfriendly.com, che vi mostra in una timeline quali libri, quando e dove hanno subito censure, riportando le motivazioni ufficiali:

Banned books throughout history - infographic

(Visited 403 times, 403 visits today)

Commenti