Su IlLibraio.it lo scrittore inglese Ian Sansom spiega come mettere ordine in una biblioteca personale in cui regna il caos... #lelibreriedegliscrittori

di Ian Sansom*

Innumerevoli sono le guide e i manuali che si propongono di istruire le gentili signore e i gentili signori circa la nobile arte nonché la corretta maniera di acquisire e conservare i libri. Si dà il caso che io possieda una piccola collezione di tali volumi, e tutti, senza eccezione, consigliano di scegliere un soggetto preciso, o un periodo, un movimento, un argomento, o anche un autore – e di farlo presto nella propria avventura di collezionisti di libri. Cosa che io, debbo confessare, ho del tutto mancato di fare. Sì, sono orfano di un soggetto preferito.

Questi manuali, inoltre, suggeriscono di non perdere le aste di libri e di consultare regolarmente i cataloghi dei librai. Altre due attività che non faccio. La mia fonte primaria di approvvigionamento, per quanto riguarda i libri, è sempre stata una sola: negozietti di libri usati di sonnolente città di provincia – oltre ai regali degli amici, s’intende. Sono un pessimo acquirente.

La mia collezione di libri – come la vostra, immagino – è decisamente casuale, confusa e del tutto priva di valore. Ma vale la pena tentare di introdurre un qualche criterio di ordine in tale caos: l’Anno Nuovo è appena cominciato, è ora di fare il punto della situazione.

Ecco, dunque, i miei umili consigli per affrontare i vostri scaffali.

1. Anzitutto sistemate i vostri libri per aree tematiche. Non per genere, si badi! Quindi i saggi sulle balene, sulle protesi agli arti inferiori e sul fanatismo vanno opportunamente raggruppati vicino a Moby Dick di Herman Melville.
2. Quindi raccogliete tutte le copie doppie e le edizioni differenti di un medesimo titolo, onde creare una «libreria ombra». Non informate nessuno dell’esistenza di questa raccolta, non avete idea di quando potrebbe tornarvi utile.
3. A questo punto suddividete le vostre aree tematiche in sottogruppi. I libri sul cibo, ad esempio, possono essere utilmente ripartiti per tipi di alimenti: carboidrati, proteine, zuccheri, ecc.
4. All’interno di ciascun sottogruppo, raggruppate i volumi per formato, ponendo i più grossi sulla sinistra e i più piccoli sulla destra.
5. E ora mescolate…

*L’AUTORE – Ian Sansom, inglese, vive vicino a Belfast con la sua famiglia. Collabora regolarmente con il Guardian e con la London Review of Books in qualità di critico letterario. Nel 2002 ha pubblicato The Truth About Babies, resoconto di un anno di gioie e orrori della paternità. Ha debuttato nella narrativa nel 2004 col romanzo The Impartial Recorder, cui hanno fatto seguito Ring Road e le Storie del Bibliobus di Tundrum, pubblicate in Italia dalla Tea: Il caso dei libri scomparsi, Che cosa è successo a Mr Dixon?, Due uomini e un furgone e Galeotto fu il libro.

LEGGI ANCHE:

Cesare De Michelis racconta la sua biblioteca (più di 60mila volumi)

La scrittrice Romana Petri racconta la sua (disordinata) libreria

Come Nick Hornby può salvarti il matrimonio (e la libreria di casa)

Commenti