Ci ha lasciato Gianna Vitali, signora della letteratura per ragazzi, fondatrice, insieme al compagno Roberto Denti, della Libreria dei Ragazzi di Milano...

Ci ha lasciato Gianna Vitali, signora della letteratura per ragazzi, fondatrice, insieme al compagno Roberto Denti, della Libreria dei Ragazzi di Milano.

Nel 1972 la coraggiosa scelta di Gianna e Roberto di aprire una libreria dedicata esclusivamente a bambini e ragazzi, la prima nell’Europa continentale, ha dato vita a un punto di rifermento essenziale per genitori, insegnanti e bambini di Milano e non solo. Come ha affermato in un’intervista di qualche anno fa, Gianna credeva che: “Quando i bambini sono piccoli e non sanno leggere, bisogna leggergli. Ma perché non leggere un libro anche insieme a un ragazzo che ha 14 anni? È un momento di unione, di compagnia e di condivisione importantissimo per una famiglia“.

LEGGI ANCHE – “Grazie a Gianna e Roberto Denti ora in Italia esistono le librerie per ragazzi” – Il breve, poetico ricordo dello scrittore Bruno Tognolini 

La loro scelta fu quella di mettere al centro dell’attenzione il bambino e la sua formazione, come elemento fondamentale nella politica culturale di un paese. È concentrandosi sui bambini e sulla loro cultura che è possibile cambiare veramente il volto di un paese. La Libreria dei Ragazzi, diventata modello a numerose altre in giro per l’Italia, nate negli anni successivi, era anche il punto di riferimento per chi si occupava di editoria per ragazzi in un momento, gli anni Settanta, in cui era considerata un campo di serie B.

Una missione che Gianna ha portato avanti anche dopo la scomparsa di Roberto, quasi tre anni fa: con passione e dedizione ha continuato a promuovere la lettura tra i ragazzi, partecipando a tutti gli eventi a cui era chiamata e collaborando con riviste di letteratura per bambini.

LEGGI ANCHE – l’intervista di Gianna Vitali al blog Doppiozero


Questa è la video-intervista a Gianna Vitali a cura della Biblioteca dei Ragazzi di Foggia, in occasione dei 40 anni della Biblioteca.

 

Commenti