Articolo

“L’ufficiale e la spia” di Roman Polanski: la sospensione del pregiudizio

La scena della degradazione di Alfred Dreyfus lascia un segno profondo. Nell'orizzonte basso e plumbeo del cortile dell'École Militaire di Parigi – il binocolo impudico e crudele puntato sulla mascella tremante di un Louis Garrel perfettamente irriconoscibile – ha luogo lo spettacolo umiliante dello strappo delle…

Articolo

Un giorno di pioggia a New York: la perversione di Woody

“It always rains on the unloved” recita una didascalia toccante e definitiva di Charles Schultz, che accompagna la vignetta di un Charlie Brown solo e sconsolato sotto la pioggia battente. È un po’ l’equivalente poetico della proverbiale e grottesca nuvoletta fantozziana, che pedina l’impiegato frustrato e…

Articolo

“The Irishman” di Scorsese: autoritratto in forma di requiem

Finale ma non terminale, lascia letteralmente una porta aperta. L'ultimo (un latest che indossa però l'abito da last) film di Martin Scorsese, si potrebbe definire, nella sua esplicita vocazione crepuscolare, la cronaca di una sparizione (di un mondo e di un modo di fare cinema). Eppure possiede il guizzo creativo, il…

Articolo

“L’età giovane”: il nuovo ritratto impuro dei fratelli Dardenne

Non c'è corpus autoriale cinematografico contemporaneo più coerente, pervicace e compatto, eppure aperto, libero e imprevedibile, di quello inaugurato da La promesse (1996) dei fratelli Dardenne, e portato avanti, e in profondità, in ogni misurato capitolo (10 in 23 anni) nel loro premiatissimo tragitto artistico…

Articolo

“Open”: Agassi riletto sul palco di un teatro

Essere o non essere Andre Agassi, questo, teatralmente ed esistenzialmente, è un problema. Vivere o morire a Las Vegas, oppure giocare. Recitare. Una questione d'identità e un gioco d'azzardo. Chi sono e qual è davvero il mio sport? O meglio: quale la mia sporta, il fardello che sopporto? Perché non so smettere? …

Articolo

Joker: stand up tragedy per Joaquin Phoenix

Co-nato per ridere. Nella maschera istrionica di Joaquin Phoenix c'è tutto lo sforzo, l'eccesso e il talento debordante di una (sovra)interpretazione: coazione a ripetere del dolore e trucco che sbava nel sangue, dente che duole e risata che seppellisce. Nel parossismo lancinante della grimasse di Joker sono racchiusi…