Articolo

“L’ultima ora”: con Sébastien Marnier a scuola di apocalisse

La casa è in fiamme. La gioventù scottata d'Oltralpe nell'epoca di Greta Thunberg, quasi fosse un'uscita da un cliché o dall'aria dei tempi, ne è fin troppo consapevole. La classe non è, come nel film di Laurent Cantet fra le mura di qualche anno fa, un luogo sociale dove l'attrito di marginalità e disagio si…

Articolo

“I morti non muoiono”, ma anche Jim Jarmusch non si sente troppo bene

C’è qualcosa di ridondante, stantio e non così vivo, per questo irrimediabilmente mimetico del suo oggetto, in quest’ultimo divertissement cupo e (auto)ironico di Jim Jarmusch. I morti non muoiono, che ha inaugurato pieno di promesse un’edizione ricca di attesi ritorni del festival di Cannes (chi non muore si…

Articolo

“Dolor y gloria”, la confessione intima di Pedro Almodóvar

Macchie di colore indistinte, mescolate e liquide, pigmenti gettati sullo schermo e moltiplicati in caleidoscopici riverberi di quello che (forse) si può vedere chiudendo gli occhi (kubrickianamente con gli eyes wide shut, memori del precetto del Piccolo principe, apparente paradosso per un regista, che…

Articolo

Testori/Fracassi al Franco Parenti: “La monaca di Monza” ri-vive a teatro

Il Progetto Testori è una chicca, da seguire con attenzione appassionata al Teatro Franco Parenti di Milano (spettacoli, speculazioni e specchi dedicati al maestro di Novate) e inaugura da con la (sua, di Giovanni) monaca di Monza, adattamento per tre voci di Valter Malosti (che firma anche la regia) dal testo del…

Articolo

“Il Corriere – The Mule”: il film testamento di Clint Eastwood

Benedetto sia il ladro che ti deruba del tuo fardello. Guardando il volto segnato, coriaceo e nobile (come nome vuole), di Earl Stone (letteralmente: Conte Pietra), sul quale grava tutto il senso della colpa (e dello scandalo: etimologicamente, la pietra d'inciampo), e si fa strada, fra rughe e ferite del tempo, un…