Ben 4 nomination agli Oscar 2018, tra cui la categoria "miglior film", per il film di Luca Guadagnino "Chiamami col tuo nome", tratto dal romanzo di André Aciman, che narra la storia di un amore omosessuale intimo e impossibile...

Tratto dall’omonimo libro di André Aciman (pubblicato da Guanda nel 2008), il film di Luca Guadagnino Chiamami col tuo nome (Chiamami con il tuo nome, appunto) è il primo film di regia italiana a ricevere una nomination all’Oscar nella categoria miglior film dal 1999, anno in cui quella categoria la vinse Benigni, con La vita è bella.

Il film del regista palermitano, in uscita nelle sale italiane, si è aggiudicato ben quattro nomination agli Oscar 2018, che verranno assegnati la notte del 4 marzo: come miglior film, migliore attore protagonista (Timothée Chalamet), migliore sceneggiatura non originare, adattata da James Ivory, e miglior canzone originale, Mistery of Love di Sufjan Stevens.

Ambientato “da qualche parte nel nord italia” verso la fine del secolo scorso, il film è ispirato al romanzo di André Aciman Chiamami col tuo nome (Guanda, traduzione di V. Bastia), la coinvolgente storia di un’amore omosessuale che lega il giovane Elio, diciassettenne particolarmente colto per la sua età, e l’affascinante Oliver, dottorando americano dai modi irresistibili.

I due si incontrano nella casa in Riviera del padre di Elio, docente universitario che ogni estate invita qualche studioso nella villa, con grande fastidio del figlio; ma non questa volta: tra una partita a tennis e una corsa in bicicletta, una nuotata mattutina e una passeggiata in paese, i due ragazzi, entrambi di origini ebraiche, si ritrovano legati da un sentimento forte e indissolubile, senza futuro, ma ricco di un’intensità irripetibile. Un’intimità nuda e autentica, che lega Oliver a Elio per sempre.

Commenti