In attesa che l'operazione "Mondazzoli" si concretizzi, una novità importante riguarda uno dei più apprezzati editor della sua generazione... - Retroscena

Di Antonio Franchini, napoletano, classe ’58, tra gli editor più stimati della sua generazione, ci siamo occupati a giugno. La novità, il retroscena che da oggi pomeriggio fa parlare il (piccolo) mondo dell’editoria libraria nostrana, nel giorno d’avvio dell’edizione 2015 di Pordenonelegge, è che il responsabile della narrativa di Mondadori lascia Segrate, direzione Firenze: passa infatti a Giunti (il primo a segnalarlo, su Twitter, è il giornalista de La Stampa Mario Baudino).

Per fare solo un esempio, è stato Antonio Franchini (che è anche un’apprezzato scrittore, pubblicato da Marsilio) a scegliere il titolo, più che fortunato, de La solitudine dei numeri primi, fattore che ha contribuito al successo del romanzo d’esordio di Paolo Giordano. Ma negli anni, l’editor ha “scoperto” (e portato al successo) più di uno scrittore italiano (si pensi anche al caso di Alessandro Piperno).

In attesa che, entro il 30 settembre (o proprio quel giorno?) si concretizzi la tanto rimandata (e discussa) operazione “Mondazzoli”, e dopo che nei mesi scorsi a Segrate avevano già lasciato la propria poltrona (rispettivamente di Direttore letterario e Direttore commerciale), Antonio Riccardi e Valerio Giuntini, ora è il turno di Franchini, che però ha subito trovato un nuovo importante incarico (direttore editoriale della narrativa e della saggistica). Su Repubblica l’Ad di Giunti Martino Montanarini conferma.

Raggiunto dal Corriere della Sera e da La Stampa (come pure da Repubblica, ndr), Franchini ha a sua volta confermato il suo addio a Segrate, e ha sottolineato che l’operazione “Mondazzoli” non c’entra: “Me ne vado perché ho voglia di fare qualcosa di diverso, e l’idea di lavorare a un progetto come quello di Giunti, con la possibilità di gestire qualcosa di nuovo, mi attira…”. Con Franchini in Giunti arriverà anche uno degli editor che ha fatto crescere in questi anni a Segrate?

Commenti