“Fiabe Faroesi”, nuovo volume della serie dedicata alle fiabe nordiche, è un’antologia che raccoglie i racconti più antichi della tradizione orale delle Isole Faroe, storie di orchi e folletti, demoni, sirene e principesse…

Tra la Norvegia e la Finlandia, nelle gelide acque del nord, un verde arcipelago di isole emerge dai flutti accarezzato dal vento: le Isole Faroe. È qui che hanno origine le Fiabe Faroesi (Iperborea, traduzione di Luca Taglianetti, illustrazioni di Lorenzo Fossati), il nuovo volume della serie delle fiabe nordiche di Iperborea, dopo le Fiabe Lapponi, le Fiabe Danesi, le Fiabe Islandesi e le Fiabe Svedesi.

Messe per iscritto nel corso dell’Ottocento, le fiabe della tradizione faroese sono state a lungo affidate alla tradizione orale, di nonna in nipote e di padre in figlio, andando a costituire un ricco patrimonio popolato da folletti e orchesse, demoni e sirene, orfani e principesse, giganti marini e regni degli abissi, isole abitate da leoni e altre creature meravigliose. Tra le pagine del volume fanno capolino tematiche universali, che si possono ritrovare nelle fiabe di tutto il mondo, ma anche personaggi originali, inaspettati, talvolta provenienti dalla tradizione pagana, che costituiscono l’eredità della tradizione faroese.

Fiabe Faroesi Iperborea copertina

Tra animali parlanti e creature invisibili, non manca un pizzico di umorismo e un tocco di macabro, insieme alla poesia e all’amore, al coraggio e alla generosità, all’astuzia e alla bontà, virtù immancabili dell’immaginario fiabesco.

Sono fiabe che hanno contribuito a costituire l’identità linguistica e culturale delle Isola Faroe, a lungo dominio danese e diventate, nel 1948, nazione indipendente del Regno di Danimarca: l’antologia Fiabe Faroesi raccoglie i più bei racconti di un vasto e antico patrimonio, per la prima volta tradotti in italiano e corredati dalle illustrazioni di Lorenzo Fossati, che danno vita a un immaginario di creature fantastiche e storie rocambolesche, più che mai adatte alla lettura invernale davanti a un camino acceso.

Commenti