"Scrivere di disabilità mi ha insegnato che è un errore parlare dei disabili come 'disabili': e non c'entra niente il politicamente corretto o le etichette. C'entra il fatto che è sbagliato qualsiasi punto di vista che non veda prima la persona. La sua vita, le sue ansie, i suoi difetti, i suoi sogni...".  Enrico Galiano è in libreria con il suo terzo romanzo, e per l'occasione si racconta su ilLibraio.it

Questo libro parla di un ragazzo non vedente. Cioè, il protagonista è Michele, un diciottenne che a tredici anni ha perso la vista. Potrei descriverlo così, certo. E, forse, quando le prime parole sono finite sullo schermo, l’idea era un po’ quella.

Poi, però, la faccenda è cambiata. Mano a mano che la storia proseguiva, e soprattutto quando Michele incontrava Nina e ne seguiva la scia, mi rendevo conto che la cecità non era il centro. Che non stavo parlando di un cieco: stavo parlando di un ragazzo.

Credo sia un po’ come nel mio lavoro da insegnante: quando hai in classe ragazzi con disabilità, o dislessici, o ragazzi che hanno un qualsiasi bisogno educativo speciale, la prospettiva cambia totalmente quando ti rendi conto che dietro quei muri di carta, quei pacchi di certificazioni, sigle, ci sono solo due occhi, un cuore e tanta paura.

La chiave, quando la trovi, ha quasi sempre la forma di un’emozione e tutta la distanza che c’è scritta su quei fogli, molto spesso si azzera nel momento in cui trovi quello di cui tutti abbiamo bisogno, ciechi, vedenti, abili, disabili: le parole giuste.

Scrivere di disabilità mi ha insegnato quello che davvero non mi aspettavo di imparare, e cioè che non è molto interessante raccontare ciò che le persone non riescono a fare. Nelle storie come nella vita, è noioso e anche un po’ triste stare lì a fissare l’ostacolo, fermi a concentrarsi su quante cose sono andate storte, ma è molto più bello immaginare cosa c’è oltre. E poi, con coraggio, vedere che succede a provarlo a scavalcare.

Scrivere di disabilità mi ha insegnato che è un errore parlare dei disabili come “disabili”: e non c’entra niente il politicamente corretto o le etichette. C’entra il fatto che è sbagliato qualsiasi punto di vista che non veda prima la persona. La sua vita, le sue ansie, i suoi difetti, i suoi sogni. E, quando il punto di vista è quello, poi sparisce perfino il concetto di disabilità: Michele è un cieco, sì, ma dopo un po’ di pagine riesci a scordarti che lo sia. È solo un ragazzo che si innamora di una ragazza in un treno, annusando il suo profumo.

Alla fine, le storie che scrivi, un po’ come i tuoi studenti se sei un professore, iniziano con te che credi di insegnare, ma finiscono con te che ti rendi conto che hai ancora tutto da imparare.

L’AUTORE – Enrico Galiano sa come parlare ai ragazzi. In classe come sui social, dove è molto seguito. Insegnante e scrittore classe ’77, Galiano, dopo il successo di Eppure cadiamo felici Tutta la vita che vuoi, torna in libreria, sempre per Garzanti, con Più forte di ogni addio, un romanzo che mostra perché ogni momento è importante. Soprattutto quello in cui dire alle persone che amiamo cosa significano per noi.

Qui tutti gli articoli scritti da Galiano per ilLibraio.it.

Commenti