A Venezia si è chiuso il Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri. Il premio quest'anno è andato a una libreria in franchising

Si è concluso ieri, venerdì 30 gennaio, a Venezia, alla Fondazione Giorgio Cini nell’Isola di San Giorgio Maggiore, il 32esimo Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri, organizzato dalla Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri in collaborazione con Messaggerie Libri e Messaggerie Italiane, l’Associazione Librai Italiani, l’Associazione Italiana Editori e il Centro per il Libro e la lettura. Il Seminario, appuntamento dell’editoria internazionale, tratta e approfondisce i diversi temi e le problematiche del mondo del libro, delle librerie e del mercato editoriale, con uno sguardo sulle nuove proposte, sugli sviluppi di un settore in continua evoluzione.

Dopo gli interventi di Angelo Tantazzi (Prometeia) e Antonio Prudenzano (IlLibraio.it) su Come cambia il mercato, si è svolta la tavola rotonda “Di chi è il futuro?”, moderata da Stefano Mauri e Giovanna Zucconi, a cui hanno partecipato Jesus Badenes (Planeta, ES – primo editore in lingua spagnola), Eva Bonnier (Bonnier, SE – primo editore scandinavo), Jürgen Boos (Fiera del libro di Francoforte, D), James Daunt (Waterstones, UK – primo libraio inglese), Denis Mollat (Librairie Mollat, F – prima libreria di Bordeaux), Antonio Sellerio (Sellerio Editore, I).

La tavola rotonda è stata preceduta da un intervento – Editori di ieri e gli editori di domani – di Jonathan Galassi, presidente e editore di Farrar, Straus and Giroux, che vede “nell’editoria un’arte, un gioco di occasioni colte, di fede, di sfida. E’ il gioco della scoperta, il gioco dell’idee”.

Nel pomeriggio Michele Serra, nel suo intervento “Istruzioni per un futuro radioso” (leggi qui la versione integrale), ha sottolineato come “il rapporto tra lettori e non lettori è diretta conseguenza del valore che ogni società attribuisce alla cultura. E’, quella della diffusione della cultura, una battaglia in corso. Si svolgerà tutta intera, questa battaglia, nel futuro, e il futuro, bello o brutto che sia, è inedito.”

Dopo un ricordo di Luciano Mauri nel decennale della scomparsa a cura di Lorenzo Mauri e Achille Mauri, il seminario si è concluso con l’intervento di Achille Mauri, Presidente della Scuola per Librai Umberto e Elisabetta Mauri.

“L’edizione 2015 della Scuola per i Librai si è aperta con un segno positivo relativamente al mercato del libro 2014. – ha detto Achille Mauri – Anche le prime settimane dell’anno in corso segnano una ripresa delle librerie. Non bisogna demordere e bisogna continuare a sollecitare il Paese al sostegno alla cultura.”

Il Premio per Librai Luciano e Silvana Mauri, giunto alla sua nona edizione, è stato conferito ai librai Enza e Riccardo Campino con le loro librerie di Formia e di Gaeta (in franchising con Mondadori), punto di riferimento di incontri tra lettori – grandi e piccoli – e autori.

LEGGI ANCHE:

Librerie, le “istruzioni” di Michele Serra per un “futuro radioso”

5 idee per le librerie del futuro

Commenti