Il mondo si divide in due schieramenti: ci sono quelli secondo cui è meglio dedicarsi a una storia alla volta, e poi ci sono gli altri, che non si accontentano mai e che trovano vantaggioso leggere più libri contemporaneamente...

È una questione molto dibattuta tra i lettori: è giusto leggere più di un libro alla volta?

Diciamo che, come al solito, il mondo si divide in due schieramenti: ci sono i “puristi”, quelli secondo cui assolutamente no, meglio dedicarsi interamente a una storia e, solo dopo averla finita, iniziarne una nuova. E poi ci sono gli altri, quelli che non si accontentano mai e che trovano stimolante leggere più libri contemporaneamente.

Perché? A quanto pare, ci sono molti vantaggi. Prima di tutto vi solleverete dall’atroce dubbio della scelta (e i lettori sanno bene quanto è difficile decidere quale libro iniziare a leggere), la vostra (lunghissima) lista si accorcerà molto più velocemente del previsto, e, infine, potrete alternare letture impegnative e complesse con altre più leggere.

Inoltre, come si legge su Bustle, in questo modo chi legge libri per “dovere”, che sia lavoro o studio, potrà dedicarsi tranquillamente anche alle letture di “piacere”.

E poi, se proprio vogliamo dirla tutta, si può leggere un libro e, contemporaneamente, ascoltare un audiolibro (non nello stesso momento, si intende).

Magari la sera, quando state per addormentarvi, potete immergervi nella silenziosa lettura del vostro romanzo, invece la mattina, mentre state guidando in macchina, potete seguire la voce di chi vi legge un saggio, o quel classico che non avete mai avuto l’occasione di recuperare.

In fondo, pensandoci bene, la vita è troppo breve per non leggere più di un libro alla volta.

Commenti