Una delle conseguenze più paradossali dell’era digitale è la moltiplicazione delle occasioni di lettura. Il tempo è rimasto lo stesso, eppure le possibilità di leggere sono raddoppiate: libri cartacei, ebook, schermi degli smartphone e, infine, gli audiolibri. Numeri e tendenze alla mano, potrebbe essere arrivato anche in Italia il momento di questi ultimi... - Su ilLibraio.it l'analisi di Ilenia Zodiaco

Lo sappiamo. Il trasporto dell’informazione ha subito un cambio di paradigma, destabilizzante per tutti gli attori in gioco, compreso il mondo del libro. Sappiamo che la lettura nell’era della convergenza si trova davanti a tante sfide: si deve contendere l’attenzione con altri media e fonti d’intrattenimento, tuttavia non si è verificata quell’apocalisse che tutti si aspettavano, anzi, una delle conseguenze più paradossali dell’era digitale è appunto la moltiplicazione delle occasioni di lettura. Il tempo è rimasto lo stesso eppure le possibilità di leggere sono raddoppiate: libri cartacei, ebook, schermi degli smartphone e infine gli audiolibri.

Un formato che in realtà esiste da decenni e il suo utilizzo è sempre stato associato alla mobilità (oltre all’importante uso che ne fanno le persone con disabilità visiva); a lungo gli audiolibri sono stati associati al viaggio in macchina. Oggi le cose sono cambiate. Prima di tutto perché gli audiolibri non sono più così marginali sul mercato, soprattutto negli Stati Uniti nel 2017 la percentuale di ascoltatori è salita al 18% (rispetto al 14% dell’anno precedente) e la crescita nelle vendite è crescita del 30%. Nel panorama dei contenuti editoriali digitali oggi gli audiolibri rappresentano una fetta appetitosa del mercato, mentre gli ebook vivono una fase di stallo.

Leggi anche

Qual è, invece, la situazione in Italia? Al momento non assistiamo allo stesso boom, com’è immaginabile, anche perché storicamente non siamo un paese di lettori forti. Va poi considerata la poca ampiezza del catalogo, e a questo proposito ricordiamo che produrre audiolibri ha dei costi di realizzazione non indifferenti da aggiungere alla produzione del libro stampato. Venendo ai numeri, da noi gli audiolibri rappresentano un 10%-11% del mercato digitale, e si stima un valore di mercato di circa 7-8 milioni di euro.

Tuttavia, con l’arrivo della fruizione streaming – pensiamo ad Audible – e la crescita dei podcast (quello di Ad Alta Voce, specializzato proprio in audio lettura, ad esempio vanta picchi da 500 mila download), provano che la domanda c’è. E anche gli editori italiani, grandi e piccoli, stanno guardando con maggiore interesse a questa opportunità.

Inoltre gli audiolibri sembrano essere molto popolari tra i giovani: il 48% degli ascoltatori abituali è sotto i 35 anni. Questo rende il mercato particolarmente appetibile, perché permette di fare grossi investimenti sul futuro non solo a breve termine.

Un altro dato interessante è che sono cambiate le modalità di fruizione: un ascoltatore su due usa il proprio smartphone ma, al contrario dell’opinione comune, il 57% ascolta gli audiolibri in casa, magari mentre fa le pulizie o cucina o fa esercizio (solo il 32% in macchina).

Quel che sembra rilevante, quindi, non è tanto la comodità di poter ascoltare dove si vuole l’audiolibro, bensì la migliore accessibilità garantita dai servizi digitali. La connessione ubiqua ha garantito una disponibilità di risorse dapprima neanche immaginabile. A fare gola, così, è la possibilità di scelta, la velocità d’acquisto o di fruizione. Per il mercato italiano potrebbe essere un’occasione imperdibile, considerando che l’accesso a librerie e biblioteche è ancora vittima di forti disparità geografiche non solo tra Nord Sud ma anche tra centri e periferie (sono 13 milioni gli italiani che vivono in comuni senza una libreria).

Oltre all’accessibilità, da non dimenticare anche il tema del multitasking, che sembra essere la tendenza del secolo. In un mondo in cui i media si sono moltiplicati e la competizione per accaparrarsi la nostra attenzione si è inasprita, viene quasi naturale dare per vincenti i contenuti che permettono di fare altre attività nel frattempo. Sarebbe interessante chiedersi, però, con quali conseguenze per la nostra memoria e capacità di concentrazione.

Infine, non sembra poi così paradossale il fatto che nell’epoca della videosfera si sia tornati a parlare di audiolibri, la rete è sempre più conversazionale e l’ascolto sembra essere una via percorribile anche per la lettura.

 

L’AUTRICE – Qui tutti gli articoli e le recensioni di Ilenia Zodiaco per ilLibraio.it

Commenti