Libri sugli scacchi: tra romanzi, saggi e racconti

Cos’hanno in comune l’antico gioco di strategia degli scacchi e un’attività come quella della lettura? Forse in apparenza non molto, eppure entrambi sono processi mentali che permettono di decodificare e di comprendere informazioni intorno a sé, così da capire meglio il mondo e interagire con l’ambiente circostante sviluppando doti quali il calcolo previsionale, l’empatia, la logica, l’immaginazione e, soprattutto, il divertimento nel senso più nobile del termine.

Non c’è quindi da sorprendersi se chi ama leggere ama spesso mettersi alla prova anche con una scacchiera, e se autori e autrici di tutti i tempi si sono cimentati con libri sugli scacchi di ogni sorta, diffondendo nell’immaginario collettivo un vero e proprio lessico degli scacchi e regalando storie e riflessioni che partono dalle caselle bianche e nere per approdare alla sfida più grande che è la vita.

Per guidarvi nella scoperta di libri sugli scacchi, dedicati tanto ai più esperti quanto a principianti e curiosi, abbiamo quindi pensato a una selezione – i cui testi non sono collocati in ordine di importanza e che non ha la pretesa di essere esaustiva – grazie alla quale è possibile appassionarsi a numerose tattiche e mosse sfogliando una pagina dopo l’altra.

Si va da libri sugli scacchi in forma di romanzo, quali La regina degli scacchi (ora in libreria nella nuova edizione Oscar Mondadori) di Walter Tevis, tornato alla ribalta grazie alla serie Netflix (che ai Golden Globe 2021 si è aggiudicato il premio per miglior miniserie di genere drammatico e per miglior attrice in una miniserie grazie ad Anya Taylor-Joy), il poliziesco Il matto affogato di Elda Lanza o La mossa del vescovo di Pelham G. Wodehouse.

Ci sono poi racconti d’autore, come Novella degli scacchi di Stefan Zweig, la raccolta Scacco matto di Jostein Gaarder e la storia per bambini Scacco matto alla mafia di Carolina Lo Nero, biografie come Re in fuga. La leggenda di Bobby Fischer di Vittorio Giacopini ma, soprattutto, libri sugli scacchi pensati come saggi e manuali, tra i quali Il grande gioco dei numeri di Federico Peiretti, Capire gli scacchi mossa dopo mossa di John Nunn e Kasparov insegna gli scacchi di Garry Kasparov, in cui il grande campione sovietico illustra regole e principi fondamentali del gioco.

A proposito poi di nuove uscite, torna per Sperling & Kupfer la nuova edizione di Scacco matto con delitto di Paolo Fiorelli, mentre a fine aprile Garzanti porta in libreria La mossa giusta – Il senso degli scacchi per la vita di Jonathan Rowson, in cui l’autore – scrittore, filosofo e Grande Maestro di scacchi, per tre volte campione nazionale nel Regno Unito – spiega come affrontare il presente e raggiungere la felicità grazie a questo gioco antichissimo e sempre nuovo.

“Giocare a scacchi è come essere sospinto fuori dal tempo”, scriveva nel secolo scorso Antoine de Saint-Exupéry, facendo quasi il paio, senza saperlo, al suo conterraneo Daniel Pennac, che più avanti avrebbe pronunciato la celebre frase: “Il tempo per leggere […] dilata il tempo per vivere”.

Sembra che combinati insieme, dunque, i libri e gli scacchi abbiano un’influenza non indifferente nella nostra esperienza – non a caso un terzo scrittore francese, Pierre Mac Orlan, era convinto del fatto che “ci sono più avventure su una scacchiera che su tutti i mari del mondo”. Leggere per credere…

La lista