Luca Sofri raccoglie in un libro in uscita le bufale dei media

La house music può causare impotenza; un bambino su due non vuole passare il Capodanno con un coetaneo extracomunitario; quasi la metà dei maschi (41%) confessa che il seno è la prima parte del corpo femminile su cui cade lo sguardo. Sono i risultati raccolti da una fantomatica associazione di psicologi volontari, ripresi da molti
giornali. Peccato che dell’associazione non si abbia nessuna notizia se non, appunto, sui giornali. E chi si ricorda del presunto complotto neonazista per uccidere il presidente americano? Forse solo i lettori italiani, visto che nessun giornale americano ha mai riportato il fatto.

Notizie che non lo erano

Come conferma Notizie che non lo erano (in arrivo in libreria per Rizzoli), raccolta di notizie-bufala curata dal direttore de Il Post Luca Sofri, i giornali (e i siti internet) in non pochi casi sono pieni di notizie che non sono notizie, di smentite, contraddizioni, marce indietro e pagine sprecate.

Il libro di Sofri si può “connettere” al Dizionario delle balle dei politici e degli antipolitici, firmato un anno fa per Isbn edizioni (sopra la copertina, ndr) da Davide Maria De Luca, giornalista che, tra l’altro, gestisce un blog di fact checking proprio su Il Post. Un volume, anch’esso inquietante, in cui si racconta di come, nel tentativo di incensare le proprie strategie e screditare quelle degli avversari, spesso i nostri politici si servono di test, statistiche e numeri approssimativi o, ancor peggio, errati…

L’APPUNTAMENTO – Il direttore del Post Luca Sofri sarà al Salone internazionale del Libro di Torino venerdì 15 maggio, alle 13.30 allo Spazio Ibs.it. Interverranno all’incontro Concita De Gregorio e Gianluigi Ricuperati.

Commenti