Maria Francesca Gagliardi nella sua attività di scouting seleziona storie che si prestano a una trasposizione cinematografica, televisiva, seriale e web...

Il mondo dell’editoria libraria sempre più spesso si intreccia con l’industria cinematografica e con quella delle serie tv. In questi contesto “multimediale” e dinamico, si rendono necessarie nuove figure professionali, “ibride”, capaci di mettere in contatto questi mondi: Maria Francesca Gagliardi porta in Italia una figura tipica del mondo anglosassone, e prova a fare da ponte tra autori, editori, agenti e produttori, registi e sceneggiatori: “Il mio lavoro è selezionare storie che si prestano a una trasposizione cinematografica, televisiva, seriale e web, e muovermi in esse. Ogni giorno esploro nuovi percorsi narrativi, mi oriento tra decine di saggi, racconti e romanzi, per trovare sinergie inedite tra scrittura e media”, spiega sul suo nuovo sito, mfgscouting.com.

maria francesca gagliardi

Gagliardi, che collabora anche come editor con alcuni scrittori ed editori, si definisce “immaginatrice seriale”, e prova a captare “l’essenza di un concept intrigante e originale”, cercando di immaginare cosa può diventare.

La sua, in sostanza, è un’attività di scouting, un’indagine, “nell’ombra”, in cerca di storie edite, inedite e anteprime, “mettendo a fuoco le potenzialità di trasposizione di un libro”. Sempre sul sito spiega che “l’attività della scout garantisce al produttore cliente, al regista e allo sceneggiatore, il monitoraggio costante dell’attività editoriale e muove le sinergie tra questi due mondi: l’universo scritto e l’audiovisivo”.

Commenti