Mondadori ha un nuovo responsabile editoriale della narrativa italiana: al posto di Carlo Carabba arriva Giovanni Francesio - I dettagli

Mondadori, prima casa editrice italiana per quota di mercato, ha un nuovo responsabile editoriale della narrativa italiana: il mantovano Giovanni Francesio, già direttore editoriale di Sperling & Kupfer e Piemme, e negli ultimi anni impegnato a rilanciare lo storico marchio Frassinelli, sempre per conto di Segrate, per cui Francesio lavora dal 2004.

Come abbiamo scritto a fine ottobre, Carlo Carabba ha infatti lasciato la poltrona di responsabile della narrativa italiana Mondadori per passare ad HarperCollins Italia, in veste di responsabile editoriale della fiction italiana, a diretto riporto della direttrice editoriale Sabrina Annoni.

Francesio, dal canto suo, riporta al direttore editoriale di Mondadori Francesco Anzelmo a cui, come precisa una nota, rispondono – “oltre alla narrativa Italiana – la narrativa straniera e young adults, la saggistica, la varia, i paperback e i classici”.

Quanto alla carica di direttore editoriale di Frassinelli, è stata affidata ad interim a Stefano Peccatori, direttore generale di Sperling & Kupfer, Piemme e Mondadori Electa.

Un ruolo delicato, quello che vedrà impegnato Francesio, classe ’70, che per Sperling ha pubblicato Tifare contro – Una storia degli ultras italiani e A porte chiuse. Gli ultimi giorni del calcio italiano, quest’ultimo scritto con Lorenzo Contucci. Sono tanti, infatti, i libri di narrativa italiana pubblicati ogni anno da Mondadori, e quindi gli autori da gestire, in un contesto editoriale diventato sempre più competitivo (basti pensare che negli ultimi anni sono nate case editrici come La Nave di Teseo e Solferino, che gruppi internazionali come Planeta e HarperCollins sono sbarcati nel nostro Paese, e che dalla prossima primavera anche Treccani pubblicherà libri di narrativa e saggistica) e con un mercato librario che stenta a crescere.

Commenti