A seguito dell’approvazione della commissione cultura del Senato, nel mondo del libro si torna a discutere della legge sulla promozione e il sostegno alla lettura che, tra le altre cose, prevede un abbassamento dal 15% al 5% del limite massimo di sconto applicabile. Per Levi (Ali) “a pagare saranno principalmente i lettori e le famiglie”, mentre per Zapparoli (Adei) “permette un controllo e una decrescita dei prezzi effettivi” – Il punto della situazione

A seguito dell’approvazione della commissione cultura del Senato, nel mondo del libro si torna a discutere della legge sulla promozione e il sostegno alla lettura, approvata alla Camera nel luglio scorso (qui tutti i dettagli, ndr) e che, tra le altre cose, prevede un abbassamento dal 15% al 5% del limite massimo di sconto applicabile.

Il 16 luglio l’Assemblea della Camera ha approvato, apportandovi modifiche, la proposta di legge A.C. 478 e abb.-A. – QUI IL TESTO DEL PROVVEDIMENTO 

Se da un lato ADEI (Associazione degli editori indipendenti), ALI (Associazione Librai Italiani) e SIL (Sindacato Italiano Librai e Cartolibrai) chiedono che la legge sia approvata al più presto anche dal Senato, il presidente dell’AIE Ricardo Franco Levi ha commentato: “Di fronte all’approvazione della legge sul libro da parte della Commissione Cultura del Senato, l’Associazione Italiana Editori, rappresentativa degli editori italiani grandi e piccoli, con tutta l’editoria scolastica, universitaria e professionale e l’80% dell’editoria di varia, esprime preoccupazione per il possibile grave impatto che questa avrà sul mercato e su tutti gli operatori. Drasticamente riducendo lo spazio di manovra sul prezzo dei libri a disposizione dei punti vendita, a pagare saranno principalmente i lettori e le famiglie”.

A sua volta, Diego Guida, presidente del Gruppo piccoli editori dell’Aie, aggiunge sul Corriere della Sera: “Non è riducendo gli sconti che si incentiva la lettura. Servono interventi di lungo respiro per costruire nuove generazioni di lettori”. E argomenta: “Si è detto che i piccoli editori, che rappresentano circa la metà degli editori sul mercato, plaudono alla legge. In realtà noi dentro l’Aie siamo preoccupati e va fatta chiarezza sulle proporzioni delle associazioni”.

La pensa diversamente Marco Zapparoli, presidente di ADEI: “Questa Legge, al contrario di quanto sostiene il presidente dell’Associazione dei grandi editori, permette un controllo e una decrescita dei prezzi effettivi. Gli sconti selvaggi si ripercuotono prima di tutto sulle famiglie di chi lavora nell’editoria e sul prezzo di copertina dei libri, che viene sistematicamente aumentato proprio per ‘compensare’ questi sconti”.

“L’impegno preso era di approvare il prima possibile un testo così atteso da tutta la ‘filiera del libro’. Il blocco forzoso che ha coinciso con la discussione della Legge di Bilancio (che da Regolamento impedisce di discutere altre leggi) oggi è superato. Adesso l’auspicio è che si vada in Aula quanto prima per l’approvazione definitiva. Abbiamo approvato un Ordine del giorno che contiene le considerazioni per cui il disegno di legge può essere approvato in via definitiva in Senato dal testo trasmesso dalla Camera. Questa legge è importantissima per rafforzare la lettura, in particolare per le nuove generazioni e le fasce sociali in difficoltà, in sinergia con istituzioni scolastiche e territori, e per sostenere l’intero comparto economico, in particolare le librerie indipendenti che oggi più soffrono la crisi. Un Paese che non legge è povero ed insicuro, destinato alla marginalità. Questa legge, al contrario, darà più forza e consapevolezza al nostro sistema-Paese”. Così, in una nota, il senatore Pd Francesco Verducci, vicepresidente della commissione cultura del Senato e relatore del disegno di legge per la promozione e il sostegno alla lettura, approvato in Commissione.

Intanto, in vista della giornata conclusiva del XXXVII Seminario di Perfezionamento della Scuola per Librai Umberto ed Elisabetta Mauri in corso a Venezia, sono stati comunicati i dati dell’ultima analisi del mercato del libro di varia in Italia realizzata dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori in collaborazione con Nielsen. In sintesi, nel 2019 l’editoria di varia in Italia è cresciuta a livello fatturato (+4,9%) e, per la prima volta dal 2010, di copie vendute (+3,4%). In costante ascesa l’ecommerce (che vale il 26,7%), mentre cala il peso delle librerie fisiche (tra il 2012 e il 2017, tra l’altro, il saldo è di 245 negozi in meno). Pesante l’impatto della pirateria (qui tutti i dati e maggiori dettagli, ndr).

Libri consigliati