La nuova libreria "non è solo un nuovo luogo dove scegliere un libro, ma piccolo centro culturale, dove leggere, studiare, giocare e conoscere nuove realtà editoriali, nuovi autori ed artisti"

Nel centro di Palermo apre un nuovo spazio dedicato alla cultura, la Libreria del Mediterraneo, che si propone di guardare con attenzione all’editoria indipendente e a impegnarsi per l’integrazione tra le culture del bacino mediterraneo. La libreria ha sede in via Principe di Villafranca 48/A e “non è solo un nuovo luogo dove scegliere un libro, ma un vero e proprio piccolo centro culturale, dove leggere, studiare, giocare e conoscere nuove realtà editoriali, nuovi autori ed artisti”.

Come sottolinea la presentazione del progetto, la libreria nasce dall’iniziativa di alcune case editrici indipendenti, già facenti parte dell’associazione di editori E.I.M. (Editori Indipendenti del Mediterraneo), quali la Carlo Saladino Editore, Terre Sommerse e Medinova edizioni, e si pone come obiettivo quello di promuovere nuove realtà editoriali indipendenti, libri e progetti letterari e culturali di qualità, fungendo da punto di incontro per i più piccoli così come per i giovani ed i più grandi”.

È stato scelto di chiamarla Libreria del Mediterraneo per una ragione di continuità. L’associazione si pone la finalità di sviluppare un insieme di attività culturali di aggregazione che stimolino una dialettica e una riflessione tra le culture.

Alla natura editoriale, “questo nuovo progetto si propone di affiancare un programma in grado di aprire una finestra su realtà artistiche e culturali a 360 gradi, ponendo la propria attenzione anche sulle arti visive, su proposte e laboratori creativi per l’infanzia, iniziative legate alla lettura, alla musica e alla valorizzazione del patrimonio del territorio in genere”.

La libreria ospiterà dunque piccoli concerti di cantautori e di musicisti, presentazioni di libri, conferenze, laboratori di scrittura creativa e musicale e laboratori creativi per i più piccoli; ma sarà anche un luogo dove prendersi una pausa sorseggiando una tazza di tè, un caffè, un bicchiere di vino in un momento e in uno spazio da cercare e ritagliare per se stessi.

Commenti