Il merito è di una piccola casa editrice indipendente, Round Robin - La storia

Era stata aperta a Roma (in via del Pellegrino) nel 1991, da Bruno Boschin, ed era un luogo molto amato: parliamo della Libreria del Viaggiatore, che proponeva guide turistiche, libri fotografici stranieri, atlanti, letteratura di viaggio. Un anno fa circa, la morte del fondatore. Una perdita doppia per la città. Ma come racconta viadeiserpenti.it, la Libreria del Viaggiatore è rinata, grazie agli editori di una piccola casa editrice indipendente, Round Robin.

Eleonora Pellegrini e Luigi Politano hanno riaperto in una nuova sede, nella stessa via della precedente. E al blog spiegano: “Contiamo da una parte di recuperare l’idea di Bruno, di un luogo dove conservare e coltivare la cultura del viaggio, e dall’altra di infonderle nuova linfa. Della libreria originaria abbiamo conservato l’atmosfera accogliente, in una location non troppo in vista. Abbiamo mantenuto anche la ricchezza del catalogo, forte dei suoi libri rari e introvabili o fuori catalogo”. Non mancano gli obiettivi ambiziosi: “Stiamo pensando di organizzare un festival dedicato al viaggio in qualche isola del Mediterraneo, per portare la libreria al di fuori dei suoi confini fisici…”.

LEGGI ANCHE:

#libreriecheresistono, il nostro viaggio fa tappa a Roma…

A Venezia si immagina il futuro delle librerie

Bologna ha perso una storica libreria

Commenti