"Nessuno più di un 20enne ha il diritto meraviglioso di avere un libro tra le mani, mettete il naso tra le pagine senza timore e...". Saviano tornerà su Canale5 ospite di Maria De Filippi, e metterà in scena un flashmob per la lettura: protagonista, Fedor Dostoevskij...

In passato, già Aldo Busi, ospite in tv di Maria De Filippi, aveva raccontato i grandi della letteratura ai ragazzi. Il 9 maggio, su Canale5, sarà Roberto Saviano a farlo. Un ritorno ad Amici, dunque, per l’autore di Gomorra che, come anticipa Repubblica, metterà in scena un flashmob per la lettura: il libro protagonista sarà Le notti bianche di Fedor Dostoevskij.

“Nessuno più di un ventenne ha il diritto meraviglioso di avere un libro tra le mani, mettete il naso tra le pagine senza timore, le complessità è bella da affrontare. Un libro non sono semplici parole”, spiega lo scrittore, che da anni vive sotto scorta. E aggiunge: “Quando leggo mi sembra di moltiplicare il tempo come se la mia vita non mi fosse bastata. Non perché hai più nozioni, hai più possibilità di percepire le strade dell’esistenza. Umberto Eco dice: ‘Se un uomo di 70 anni non ha mai letto e muore, muore dopo aver vissuto 70 anni. Se invece ha letto è morto a 5000 anni, è stato lì quando Caino ha ucciso Abele, quando Cesare è stato pugnalato, quando Leopardi ha fissato l’Infinito‘. Leggere è avere un’immortalità al contrave vivi di più. Sei qualcosa in più”.

Non solo: davanti al pubblico di Amici Saviano confessa che “in questi anni complicati” ha identificato la sua vita coi libri: “Dove c’erano i libri, mi sentivo a casa. Le notti bianche da ragazzino mi piaceva tanto, il protagonista non ha nome, è il Sognatore…”.

Tra l’altro, nel suo video che andrà in onda ad Amici Saviano cita anche Gustave Flaubert, che spiegava: “Non leggete per divertirvi, non leggete per istruirvi, no, leggete per vivere”.

LEGGI ANCHE:

Il sito di Saviano diventa uno spazio per parlare di libri e approfondire l’attualità

10 cose che potrebbe fare la scuola per crescere giovani lettori (e un invito alle famiglie) – di Giusi Marchetta

Lasciamo scegliere ai nostri figli i libri che vogliono – di Luigi Spagnol

 

Commenti