L'e-reader Kindle Paperwhite disponibile anche per le librerie indipendenti grazie a un accordo di distribuzione che Giunti ha firmato con Amazon - I dettagli

Novità nel rapporto tra editoria digitale e librerie fisiche: l’e-reader Kindle Paperwhite diventa infatti disponibile anche per le librerie indipendenti grazie a un accordo di distribuzione che Giunti Editore ha firmato con Amazon.

Come informa un comunicato, le librerie indipendenti di tutta Italia potranno vendere Kindle Paperwhite e, “unendo la lettura digitale a quella cartacea, aiuteranno i lettori a trovare i libri tradizionali o i libri digitali desiderati e che più si confanno ai loro gusti letterari”.

Explore thousands of books rated 4 stars and above at Amazon Books in University Village, SeattleLEGGI ANCHE: Amazon apre la sua prima libreria fisica (ma seguendo le logiche di quella online)

La possibilità per le librerie indipendenti di proporre Kindle Paperwhite e ampliare la propria offerta con l’intera gamma di Kindle Store “rafforzerà il loro ruolo, permettendo ai clienti di accedere con facilità al maggior numero possibile di libri ed e-book”.

LEGGI ANCHE – INDIeBOOK, un progetto digitale pensato per le librerie indipendenti 

“Siamo molto orgogliosi di aver siglato con Amazon questo nuovo accordo di distribuzione”, dichiara Martino Montanarini, Amministratore delegato del Gruppo Giunti. “Un’opportunità straordinaria per tutte quelle librerie indipendenti che potranno offrire ai propri clienti il miglior e-reader disponibile sul mercato, migliorando il servizio e accorciando sempre di più la distanza fra digitale e cartaceo. Che potranno convivere, felicemente, in libreria”.

“Le librerie indipendenti svolgono un ruolo importante per i lettori della comunità in cui si trovano”, fa notare Jorrit Van der Meulen, Vicepresidente Amazon Kindle. “Grazie a questo accordo con Giunti in Italia, potranno offrire ai propri clienti forme diverse di lettura, compresi i titoli digitali. Le librerie indipendenti italiane saranno le prime ad avere questa opportunità e a promuovere tutte le forme di lettura”.


LEGGI ANCHE: la casa editrice di Amazon arriva in Italia (ma non in libreria) 

Commenti