Joseph LeDoux, autorità nel campo della ricerca sull'ansia e la paura, spiega come sia possibile guarire senza l'uso di farmaci. Il nostro cervello, infatti, ha in sé tutte le risorse...

La nostra epoca può essere considerata una sorta di “età dell’ansia”. I disturbi di paura e ansia rappresentano un problema psichiatrico molto diffuso, ma anche chi è considerato sano può soffrire temporaneamente di terrori e preoccupazioni invalidanti.

ansia copertina

Joseph LeDoux, all’avanguardia nella ricerca in questo campo, in Ansia. Come il cervello ci aiuta a capirla (Raffaello Cortina Editore), prende in esame questi disturbi, le loro origini e le scoperte che possono aiutare chi ne soffre a tornare alla normalità.

Per fortuna, quella che emerge dalla ricerca è una prospettiva che lascia ben sperare. L’autore stesso ha dichiarato a La Lettura: “In molti, in questi anni, mi hanno scritto chiedendomi di cancellare i loro ricordi. Oggi ho un messaggio di speranza per loro: possono liberarsi dell’ansia anche senza farmaci e senza votarsi all’oblio“.

La paura e l’ansia sono esperienze che costruiamo cognitivamente. Questo significa che, poichè il cervello è plastico, può apprendere anche come non essere ansioso. Con concetti chiari, e fondati sulla sperimentazione, le future generazioni potranno essere più rilassate della nostra.

La lezione della serenita
LEGGI ANCHE – Ecco come trasformare i traumi in un’esperienza positiva

Commenti