Per trovare una soluzione ai problemi di insonnia, di cui si parla sempre più spesso, la casa editrice Penguin propone audiolibri rilassanti, che aiutano chi li ascolta ad addormentarsi e a calmare ansie, stress e preoccupazioni...

Si parla sempre più spesso di problemi di insonnia, non solo tra gli adulti ma anche tra i più giovani. Sembra che una delle cause per cui le persone non riescano ad addormentarsi (o dormano male) sia dovuta all’uso eccessivo – quasi morboso – degli smartphone, soprattutto quando si è nel letto.

Per questo sono già state inventate diverse app – come Relax Melodies, Sleep Cycle o Sleep Better, solo per citarne alcune -, programmi che dovrebbero migliorare la qualità del sonno, tenendo traccia delle ore in cui si dorme e integrando una sorta di sveglia intelligente, in grado di individuare il momento migliore per suonare.

Come riporta il Guardian, adesso anche un grande gruppo editoriale come Penguin Random House si mostra interessato alla questione, escogitando una nuova soluzione per affrontare i problemi di insonnia: audiolibri con suoni rilassanti (per esempio pioggia battente o acqua che scorre). Sono in pratica “paesaggi sonori“, alternati, naturalmente, con parti più narrative e descrittive.

Ogni audiolibro dura circa 15 minuti, ma non si tratta di vere e proprie storie: non c’è un inizio, uno svolgimento o una fine, e concretamente non succede mai nulla che possa destare l’attenzione dell’ascoltatore. Non compaiono nemmeno le firme degli autori che li hanno scritti: “Li stiamo lanciando semplicemente come Penguin, Puffin e Ladybird Sleep Tales, senza menzionare gli scrittori per nome perché l’attenzione non è solo sulla scrittura. È la combinazione di parole, voce e sound design che contribuisce a creare un’atmosfera rilassante“, ha spiegato al Guardian Richard Lennon di Penguin Audio.

Le voci che raccontano queste storie sono spesso sommesse, quasi bisbigliate, ma non hanno niente a che vedere con l’ASMR, che pure è molto usata come tecnica per addormentarsi e per calmare ansie, stress e preoccupazioni.

Alla domanda se una narrazione “noiosa” possa avere lo stesso effetto degli audiolibri rilassanti, Lennon ha risposto dicendo che le storie dovevano essere comunque abbastanza coinvolgenti da non scoraggiare l’ascoltatore: “Si tratta di creare l’ambiente e lo spazio mentale giusti per… andare a dormire. Stranamente, quando ti annoi, non riesci ad ottenere lo stesso effetto”.

Commenti