"Esercizi di fantasia" di Gianni Rodari è la cronaca di un incontro fra l'autore e i ragazzi di una quinta elementare e di una media nel 1979. Rodari sostiene un metodo educativo basato sulla fantasia...

Esercizi di fantasia (Einaudi) di Gianni Rodari racconta la cronaca di una mattina qualunque a scuola con il maestro Rodari. Si tratta della trascrizione di un incontro fra l’amatissimo autore e i ragazzi di una quinta elementare e di una prima media, avvenuto ad Arezzo nella primavera del 1979.

gianni rodari

Leggerlo significa osservare il metodo di Gianni Rodari in azione, sentirlo sulla propria pelle, assistere alla costruzione di un rapporto maestro-alunni totalmente aperto, in cui si intrecciano curiosità, dubbio, scoperta, invenzione e partecipazione. Una lezione pratica per ascoltare l’immaginazione dei bambini e darle respiro. Perché la fantasia fa parte di noi come la ragione, ed esplorarla è un modo per guardare dentro noi stessi.

Esercizi di fantasia fa da ideale complemento alla Grammatica della fantasia – dopo aver studiato la grammatica infatti si fanno in genere gli eserciziche Gianni Rodari scrisse nel 1974, proseguendo il discorso sul posto di primo piano che l’immaginazione dovrebbe avere nell’educazione dei bambini.

A questo proposito, Gianni Rodari invita a interrogare i bambini in modo indiretto, mettendo in moto la loro fantasia. Perché – sostiene – di fronte ad un problema fantastico le loro soluzioni sono sempre più avanzate e coraggiose di quelle che possono trovare gli adulti, vanno sempre un passo più in là.

LEGGI ANCHE – Letteratura per ragazzi: abbiamo ancora bisogno di Rodari? 

 

Commenti