Un'infografica per ricordare Isaac Asimov, a venticinque anni dalla scomparsa del grande autore di fantascienza: dal "Ciclo della fondazione" al "Ciclo dell'Impero" fino al "Ciclo dei Robot", da cui è tratto il film "Io, Robot"...

Ricorrono in questi giorni i 25 anni dalla morte di Isaac Asimov, grande scrittore americano di origini russe, professore di Chimica all’Università di Boston, nato nel 1920 e morto il 6 aprile 1992, autore fondamentale del genere della Science fiction

Insieme a Robert A. Heinlein e Arthur C. Clarke, Isaac Asimov era considerato uno dei tre grandi autori di fantascienza della sua epoca, ed era uno scrittore estremamente prolifico: diede alle stampe più di 500 libri, tra i suoi e quelli curati da lui, e anche un vasto epistolario. Asimov infatti era anche autore di testi non fantascientifici, come gialli e thriller, ma anche diversi titoli di nonfiction, sebbene la fantascienza rimanesse il suo principale campo d’azione, e di successo.

Tra i suoi lavori più celebri, ricordiamo il Ciclo delle fondazioni, il Ciclo dell’Impero e il Ciclo dei Robot. Al Ciclo dei robot appartiene Io, Robot, il libro a cui si ispira l’omonimo film del 2004 interpretato da Will Smith: il film, come il libro, è una distopia fantascientifica, ambientata in un futuro in cui Robot e umani convivono, non così pacificamente come sembra.

In occasione della ricorrenza del venticinquesimo anniversario della morte di questo autore, Stampaprint, azienda che si occupa di stampa e grafica pubblicitaria, ha creato un’infografica che riassume le tappe fondamentali della sua vita, i suoi lavori e i premi che ha vinto, per ricordare un autore che rimane ancora oggi molto attuale. Infatti sono diversi i premi letterari vinti dallo scrittore, ben tre volte vincitore del premio Hugo, e, nel 2009, gli fu dedicato uno dei crateri del pianeta Marte, ora intitolato a lui, in onore di una carriera dedicata alla scienza.

Isaac Asimov infografica

Commenti