Se siete "accumulatori seriali di libri" non potete trascurare queste soluzioni - Le immagini dei mobili fatti di libri e di alcune librerie davvero speciali

Anche voi in casa avete una libreria come Clara Sánchez, “disordinata e sempre in movimento”?
Siete degli “accumulatori seriali” e nemmeno Il magico potere del riordino della  Kondo vi può salvare?
Abbiamo la soluzione per voi.

Parliamo di quei libri letti malvolentieri, regalati senza criterio, ereditati da parenti alla lontana, insomma, quei volumi di cui uno non riesce a sbarazzarsi, ma che non vuole buttar via perché sarebbe un “peccato mortale”…

Una prima soluzione viene dall’industrial designer Giulio Iacchetti che ha utilizzato i voluminosi tomi di un noto conduttore televisivo per realizzare il piede di un tavolino, sfruttando la copertina rigida e la dimensione dei titoli, quasi sempre identica.

iacchetti_libri

Alla stessa conclusione è giunto anche Richard Hutten, designer dei Paesi Bassi: i mobili a strati realizzati con i libri servono a far sì che l’arredo domestico lanci un messaggio di bellezza, ma anche di profondità intellettuale, per questo Hutten ha deciso di ridare vita ai tomi.

poltorna_di_librioff

Se invece volete ricordarvi con precisione dove avete messo i vostri libri più cari, ci sono interessanti librerie di design che fanno al caso vostro: sicuramente, la più importante è il progetto di un giovane designer norvegese, Bjorn Jorund Blikstad.

Si chiama Imeuble ed è una libreria modulare da parete: una composizione colorata, formata da mensole e contenitori, che aiutano a sviluppare la memoria, attraverso la struttura, il disegno e i colori.

Imeuble rappresenta i “cassetti mentali” dove sono immagazzinate le idee, i colori aiutano ancor di più a identificare la posizione di un libro all’interno della libreria stessa.

Per chi ha tantissimi libri la soluzione è invece la libreria Staircase: una scala i cui gradini contengono i libri.

staircase library

Neverending è la libreria senza fine disegnata da Luca Nichetto: una serie di infiniti con i libri che possono essere messi sia all’interno sia all’esterno degli scaffali.

neverending

Movement è la libreria che abbraccia i libri: una serie di chiodi che rappresentano delle braccia, possono essere piegati a piacere per stringere tutti i vostri libri.

movement-bookcase-dettagli

Per concludere questa carrellata (che sicuramente non aspira a essere completa, ma particolare), ricordiamo che la passione per i libri fa battere i cuori, fa emozionare, commuovere, arrabbiare, rassegnare… E cosa meglio di una libreria che riproduca il battito cardiaco per riporre i vostri “amici del cuore”? Ecco Pulse.

pulse librari

LEGGI ANCHE:

La biblioteca di Clara Sánchez? Disordinata e “sempre in movimento”

6 modi per ordinare i propri libri (sempre che loro siano d’accordo…)

“Il magico potere del riordino”: il metodo giapponese è un caso

 

 

 

 

Commenti