Che tipo di relazioni sono quelle che tessiamo sui social network? In che modo l'esperienza che facciamo online modifica le nostre relazioni e il nostro comportamento anche al di fuori del web? Le risposte nell'attualissimo saggio di Patricia Wallace

La psicologia di internet (Raffaello Cortina) di Patricia Wallace, professoressa di psicologia delle relazioni e dell’apprendimento al Maryland University College, esplora gli effetti di internet sul comportamento umano: perché in rete ci comportiamo diversamente da come faremmo offline? Che tipo di relazioni sono quelle che tessiamo sui social network? E in che modo l’esperienza che facciamo online modifica le nostre relazioni e il nostro comportamento anche al di fuori dal web?

la psicologia di internet patricia wallace

Nella società contemporanea tendiamo ad essere sempre connessi, una parte sempre maggiore della nostra vita si svolge online, sul web possiamo studiare, lavorare, informarci, fare amicizia, giocare, condividere i nostri pensieri e le nostre creazioni artistiche, e persino innamorarci. Ma il web è un ambiente particolare, tutte queste attività si svolgono in modo diverso da come si svolgono offline e anche noi non siamo esattamente gli stessi. Perché, ad esempio, online facciamo cose che non faremmo mai in altre circostanze e delle quali poi ci possiamo pentire? Quali sono le motivazioni che ci spingono a stringere legami di amicizia e anche di affetto in rete?

A queste e ad altre domande risponde La psicologia di internet di Patricia Wallace, che indaga le questioni cruciali relative agli effetti di Internet sul comportamento umano, per esempio i motivi per cui agiamo in modo inusuale negli ambienti online e i modi nei quali i social media influenzano le nostre impressioni e le nostre relazioni personali. Facendo ricorso ai risultati pù recenti della ricerca, Patricia Wallace fornisce tracce che cercano di illuminare i cambiamenti che il cyberspazio ha già prodotto nella psicologia individuale e collettiva ed analizza le nuove tendenze che si delineano nell’uso della rete, con scenari talvolta inquietanti: gli attacchi online, le App di condivisione, i giochi multiplayer, le App per dispositivi mobili.

Commenti